Arriva il tribunale delle famiglie, sarà competente su minori e divorzi

| Inserito da | Categorie: Novità dall'AMI Nazionale

Minori e famiglia: sono le competenze del nuovo “Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie”, introdotto da un emendamento alla riforma del processo civile che sarà votato il 9 settembre in commissione Giustizia al Senato. Un emendamento depositato dalle tre relatrici Fiammetta Modena (Fi), Anna Rossomando (Pd) e Julia Unterberger (Svp), messo a punto dopo una riunione al ministero. Al tribunale saranno «trasferite le competenze civili, penali e di sorveglianza del tribunale per i minorenni» e tutte le materie riguardanti la famiglia, le separazioni o il divorzio. Ora il lavoro delle relatrici prosegue sulla riformulazione della delega per il rito e sulle norme immediatamente precettive, che entreranno subito in vigore.

L’emendamento, nell’esercizio della delega prevede alcuni principi e criteri base da rispettare. Prevista l’istituzione del “Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie” composto dalla sezione distrettuale e dalle sezioni circondariali. La sezione distrettuale sarà costituita presso ogni sede di corte di appello o di sezione di corte d’appello. Le sezioni circondariali saranno costituite presso ogni sede di tribunale ordinario, collocata nel distretto di sede di corte di appello o di sezione di corte d’appello in cui ha sede la sezione distrettuale. Saranno trasferite le competenze civili, penali e di sorveglianza del tribunale per i minorenni alle sezioni distrettuali del nuovo tribunale, ad eccezione delle competenze civili trasferite alle sezioni circondariali (oltre a tutte le competenze civili attribuite al tribunale ordinario nelle cause riguardanti lo stato e la capacità delle persone, ad esclusione delle cause su cittadinanza, famiglia, unione civile, convivenze, minori e tutti i procedimenti di competenza del giudice tutelare, nonché i procedimenti sul risarcimento del danno endo-familiare). Il presidente della sezione distrettuale sarà individuato tra i magistrati che hanno conseguito almeno la quinta valutazione di professionalità, mentre il presidente della sezione circondariale tra i magistrati che hanno conseguito almeno la quarta valutazione di professionalità.

https://www.ilsole24ore.com/art/in-italia-arriva-tribunale-famiglia-si-occupera-minori-e-divorzi-AE0S1Sh?refresh_ce=1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.