Non manda il figlio a scuola se a prenderlo c’è il padre. Condannata

| Inserito da | Categorie: Novità dall'AMI Nazionale

La donna non mandava il figlio a scuola quando toccava all’ex marito andare a riprenderlo. Il tribunale l’ha punita con 50 euro per ogni assenza non giustificata da un certificato medico.


E’ il primo caso di condanna preventiva e potrebbe fare da apripista. La donna, ogni volta che non farà andare il figlio in classe quando tocca al padre andarlo a prendere a scuola, dovrà pagare all’ex marito una multa di 50 euro.


La storia, come spesso accade, nasce da un conflitto tra ex che si contendono un figlio che all’epoca dell’inizio della controversia legale aveva solo dieci anni. L’accusa dell’uomo nei confronti della donna e’ di non aver mandato il ragazzo a scuola nei giorni nei quali doveva essere proprio il padre ad andarlo a prendere. Le giornate di assenza ingiustificata dal banco scolastico sono l’escamotage che la madre aveva trovato per non mandare il figlio dal padre, nei giorni che il bambino doveva stare con lui.




Il tribunale la accusa in generale anche di compromettere in maniera colpevole il rapporto tra figlio e padre, ledendo il diritto del ragazzo di avere un rapporto equilibrato col genitore.






La madre, scrive il giudice, «deve adoperarsi perché il ragazzo veda il padre, incoraggiandolo in tal senso». La donna si era giustificata dicendo di non poter obbligare il figlio a incoraggiare il babbo, ma per il magistrato la signora «deve adoperarsi attivamente incoraggiandolo in tal senso e magari anche minacciandolo di una qualche punizione in caso contrario».

Si tratta di una condanna che farà giurisprudenza, sarà sicuramente d’esempio per casi futuri.


Commenti su Non manda il figlio a scuola se a prenderlo c’è il padre. Condannata

  1. angela

    Condivido, ma non andrebbe punito anche il padre che si rifiuta di prendere i figli nei giorni stabiliti dai provvedimenti provvisori? Nel nostro caso, neppure rivolgendomio la Giudice Tutelare sono riuscita a responsabilizzarlo…

  2. mario

    era ora che si provvedesse ad punire le madri che usano i figli per ricatti-dispetti tra ex con traumi ai ragazzi incalcolabili. bravo giudice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.