Si sono detti addio nel giro di tre ore, senza bisogno di ricorrere a un giudice e senza andare in tribunale, senza dover attendere i tempi della giustizia che in questi casi arrivano almeno a 3 mesi. È accaduto a Belluno dove due coniugi cinquantenni hanno divorziato grazie alla legge di negoziazione assistita dagli avvocati.

La nuova procedura è stata introdotta dalla prima parte della riforma della giustizia già entrata in vigore il 13 settembre scorso, e velocizza anche i tempi per mettere fine a un matrimonio consensualmente.
La hanno colta al volo la coppia, dopo 4 anni di separazione il 15 settembre, a due giorni dalla nuova legge. La notizia è stata divulgata soltanto ieri.

Le condizioni per accedere al divorzio lampo è che non vi siano figli minorenni o maggiorenni non indipendenti: gli ex coniugi hanno un solo figlio maggiorenne autosufficiente. Hanno messo fine al matrimonio in un ufficio in città con i loro avvocati in poche ore, semplicemente con una firma, grazie alle pratiche preparate dai legali.

Dopo la firma (deve farlo per legge entro dieci giorni pena sanzioni pecuniarie) il legale è andato a depositare una copia autenticata dell’accordo presso l’ufficiale di stato civile del Comune. La rapidità del divorzio, poche ore dopo l’entrata in vigore della nuova legge, ha lasciato spiazzati anche gli ufficiali di stato civile.

Fino a quel momento infatti non era stata diramata alcuna circolare sulle procedure da attuare. È così che dal Comune si sono confrontati, con l’altro primo caso di “divorzio lampo” nel Nord Italia arrivato a poche ore dalla legge, quello di una coppia di Pavia.
Con il divorzio lampo i coniugi hanno evitato di “perdere” almeno 3 mesi. Tanto sarebbe servito per la trafila burocratica-giudiziaria per dirsi addio, dopo i 3 anni di separazione (periodo richiesto per legge, tra separazione e divorzio, sul quale non è intervenuta la nuova legge). Ora si attende la trascrizione in anagrafe e tutto sarà finito in un lampo, come quando si dissero «sì».

 

tratto da

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/divorzio_lampo_veneto_separazione/notizie/935829.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  carmelo montalbano
    "lamia ex mi aveva denunciato per maltrattamenti i servizi sociali... "
    Leggi tutto...
  •  massimiano
    "sono 15 anni che vivo questa situazione. non possiamo farci... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Dic
15
sab
09:00 Mantenimento e spese straordinar... @ Palazzo SALLEO – SINAGRA
Mantenimento e spese straordinar... @ Palazzo SALLEO – SINAGRA
Dic 15@09:00–13:00
Mantenimento e spese straordinarie nei procedimenti di separazione e divorzio @ Palazzo SALLEO – SINAGRA | Sicilia | Italia
Il Convegno è in corso di accreditamento da parte dell’Ordine degli Avvocati di Patti (n. crediti formativi). La domanda può essere scaricata dal sito www.ami-avvocati.it o ritirata presso l’Ordine Avvocati di Patti e dovrà essere[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio