Separarsi fa male. E anche se la Regione Lombardia cerca di aiutare i poveri separati, una famiglia che si sfascia è e rimane un dramma. Non solo personale e affettivo ma anche economico.

In tre giorni, da quando la Regione ha aperto il bando per i separati, sono arrivate 50 richieste di sostegno economico. Il 60 per cento sono donne, ma a Palazzo Lombardia non escludono che le statistiche si ribaltino nelle prossime settimane. Lo stanziamento è di un milione di euro per cinquecento persone fino a dicembre: il contributo pro capite può arrivare a duemilaquattrocento euro. Un pannicello caldo.
Sono sempre più numerosi gli uomini che, alla fine di un matrimonio, si ritrovano senza un tetto sotto cui ospitare i figli e nei casi più difficili fanno la fila alle mense della Caritas per poter mettere insieme un primo e un secondo. I soldi che un tempo servivano per mantenere una casa, pagare una bolletta della luce e del gas, per bastare dovrebbero moltiplicarsi per due. Capita il contrario: si dimezzano. E una famiglia che riusciva a vivere, sopravvivere, sbarcare il lunario, si divide in due metà che non arrivano a fine mese.
Le chiamano nuove povertà. E quella delle famiglie separate è una delle più tristemente contemporanee. Nel 2012 a Milano e provincia sono state 3416 le persone con figli a separarsi legalmente (2014 nella sola Milano). In tutta la Lombardia il numero sale a 21.254, abbastanza per costituire un comune di medie dimensioni. Forse non per tutti significa scendere sotto il livello di povertà, ma il rischio è ben più esteso che in passato. «Dai dati relativi alle separazioni e ai divorzi in Lombardia – si legge nella delibera della giunta – si evince che separazioni e divorzi determinano ricadute sui coniugi e sui figli minori sia di tipo psicologico e sociale che di tipo economico, in particolar modo in questo momento in cui il nostro Paese è attraversato da una crisi che va ampliando quotidianamente le fasce di povertà e di emarginazione».
In Lombardia nel 2008 (dati dell’Osservatorio Minori) solo il 19 per cento di questi nuclei è riuscito a risparmiare denaro e il 41% delle famiglie di separati con figli minorenni ha avuto difficoltà in almeno una delle voci primarie di spesa: alimentazione, abbigliamento, salute, istruzione e pagamento delle tasse. Per richiedere il contributo il genitore del figlio minore deve trovarsi in una condizione di separazione legale ed effettiva da non più di tre anni; deve avere la residenza in Lombardia da almeno cinque anni; deve vivere una situazione di disagio economico dimostrato attraversato l’attestazione Isee: il tetto massimo fissato per il 2013 è di 12mila euro. 
«Siamo la prima Regione italiana a intervenire. Prima di noi l’hanno fatto solo le province autonome di Trento e Bolzano» dice Matteo Salvini, segretario della Lega, il partito che con la lista Maroni ha portato avanti il progetto. E i padri di figli in coppie di fatto? Salvini non esclude novità in futuro: «Sono favorevole a estendere gli aiuti a tutti. In futuro vedremo». Lancia una polemica con Palazzo Marino: «In Comune erano stati stanziati 3 milioni di euro per la sola Milano destinati a un’iniziativa simile. Ma non si sa che fine abbiano fatto i fondi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio