Con sentenza n. 20139 del 03.09.2013 la Corte di Cassazione ha stabilito che, nei procedimenti di separazione, Il giudice di merito può determinare liberamente la misura dell’assegno di mantenimento, senza essere vincolato alle richieste della parti.

Nel caso specifico il Tribunale ha stabilito d’ufficio le diverse voci di spesa rientranti nell’assegno, tra le quali ha annoverato il pagamento del mutuo al 50%.  

 

Pertanto il giudice della separazione, oltre a provvedere ordinariamente rispetto al mantenimento del coniuge più debole, può obbligare l’altro coniuge al pagamento della metà della rata del mutuo.

 

La Cassazione, inoltre, non riconosce alcun rilievo al fatto che la casa coniugale sia stata assegnata alla moglie, la quale avrà diritto, in base alla valutazione discrezionale del giudice rispetto al riequilibrio dell’intero assetto economico familiare,  a ricevere dall’ex marito il 50% della rata sulla casa familiare.

Avv. Claudio Sansò

Coordinatore Nazionale AMI

Presidente AMI SALERNO

Una risposta a Il coniuge che versa il mantenimento paga anche metà rata del mutuo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio