In Campania ci si separa di più rispetto al passato. Secondo lo studio Istat «Separazioni e divorzi in Italia» le unioni legali in Italia sono sempre più fragili e instabili. In Campania due matrimoni su dieci finiscono male. I tassi di separazione e di divorzio in rapporto al numero di matrimoni segnano un trend in ascesa che ormai si registra da 15 anni.

Basti pensare che si passa addirittura dal 7% ad oltre il 20% dal 1995 al 2011. L’interruzione dell’unione coniugale riguarda sempre di più anche i matrimoni di lunga durata e le coppie miste. In genere ci si separa consensualmente e se ci sono figli si opta per l’affido condiviso. Nel 2011 le separazioni in Italia sono state 88.797 e i divorzi 53.806, rispettivamente +0,7% per le separazioni e -0,7% per i divorzi rispetto all’anno precedente. Rispetto al 1995 le separazioni sono aumentate di oltre il 68% e i divorzi sono praticamente raddoppiati. Gli incrementi più consistenti si sono osservati nel Mezzogiorno, in particolare proprio in Campania: si passa infatti da 70,1 a 221,5 separazioni per mille matrimoni. Questo vuol dire che nei 15 anni presi in considerazione dall’Istat (dal 1995 al 2011) le rotture delle unioni coniugali nella regione sono passate dal 7% ad oltre il 20%. Un dato preoccupante, se si considera che in un solo anno, dal 2010 al 2011, la Campania ha proseguito la sua ascesa negativa: si è passati da 216,5 separazioni a 221,5. Ci si separa invece meno in Basilicata e in Calabria (rispettivamente 157 e 178,5 su mille matrimoni).

Al nord invece la maglia nera: in Valle d’Aosta addirittura 437,5 separazioni su 1000 matrimoni, quasi uno su due; tra le regioni più colpite ci sono poi Liguria (416,5), Emilia Romagna (401,1) e Lazio (413,7).

Questi incrementi continui, in un contesto in cui i matrimoni diminuiscono, secondo l’Istat, sono imputabili a un effettivo aumento della propensione alla rottura dell’unione coniugale: se nel 1995 per ogni 1.000 matrimoni si contavano 158 separazioni e 80 divorzi, nel 2011 si arriva a 311 separazioni e 182 divorzi. La durata media del matrimonio è di 15 anni per le separazioni e 18 anni per i divorzi. La decisione di lasciarsi riguarda sempre di più anche i matrimoni di lunga durata: rispetto al 1995 le separazioni decise dal venticinquesimo anno di matrimonio in poi sono cresciute di due volte e mezzo, mentre quelle al di sotto dei cinque anni sono aumentate molto meno. Aumenta dunque la quota delle separazioni riferite ai matrimoni di lunga durata (dall’11,3% del 1995 al 18,7% del 2011) e scende, in termini relativi, la quota di unioni interrotte precocemente, cioè entro i 5 anni di matrimonio (dal 24,4% del 1995 al 15,9% del 2011).

Unico dato positivo riguarda dunque le coppie «novelle» che risultano separarsi di meno. In genere per dirsi addio si sceglie la formula consensuale: nel 2011 si sono concluse in questo modo l’84,8% delle separazioni e il 69,4% dei divorzi. La quota di separazioni giudiziali (15,2% il dato medio nazionale) è più alta nel Mezzogiorno (19,9%) e nel caso in cui entrambi i coniugi abbiano un basso livello di istruzione (21,5%). Il 72% delle separazioni e il 62,7% dei divorzi hanno riguardato coppie con figli avuti durante il matrimonio. Il 90,3% delle separazioni di questo tipo ha previsto l’affido condiviso dei figli. Nel 19,1% delle separazioni è previsto un assegno mensile per il coniuge, nel 98% dei casi corrisposto dal marito: la quota è più alta al Sud e nelle Isole (24% e 22,1%), mentre nel Nord si attesta al 16%. Gli importi dell’assegno mensile sono, al contrario, mediamente più elevati al Nord (562,4 euro) che nel resto del Paese (514,7 euro al Sud, Campania compresa, e al Centro).

Il Mattino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio