E’ stato presentato ieri, 29 maggio, presso l’aula Moscato del Tribunale di Gela, Sono innocente, opera prima di Gaetano Barbera, edita da Boemi. Un libro che, con grande consapevolezza e sguardo attento sullo scenario attuale, racconta la difficile battaglia di Andrea, un uomo, un padre, per difendere il suo ruolo di genitore e non perdere la figlia. Nelle sue pagine autobiografiche si alternano, in un crescendo emotivo, i sentimenti più profondi dell’animo umano, dolore, paura, solitudine e, al di sopra di tutto, amore incondizionato che sprona a non arrendersi e a continuare a lottare anche quando tutto sembra ormai perduto. La scrittura si fa catarsi per l’autore e diventa monito per chi legge, affinché si rifletta su una questione scottante e controversa che vede interessati, ancora una volta, i soggetti più deboli, i bambini, troppo spesso vittime dei disaccordi dei genitori.
In Italia, oggi, sono migliaia i padri come Andrea, che si appellano alle autorità competenti per chiedere più diritti e maggiore tutela. L’autore, messinese di nascita, mette in evidenza le difficoltà del cittadino comune nel rapportarsi con il sistema giudiziario e il timore di non essere compreso e supportato dal potere costituito. Con sguardo amaro, ma mai rassegnato, Barbera denuncia la crisi dei valori umani, la fragilità della legge e di coloro che si trovano ad applicarla.
L’entrata in vigore della l. n.54 del 2006 introduce il principio dell’affido condiviso. Tale norma stabilisce che i genitori esercitino la patria potestà in maniera congiunta, assumendo di comune accordo le decisioni di maggiore importanza relative al minore. Nei casi che presentano situazioni estreme e condizioni ostative al benessere del minore, il giudice di competenza dovrà decidere se optare per l’affidamento esclusivo a uno dei due genitori.
Con il decreto legislativo 154/2013, che ha riscritto l’articolo 315 e successivi del codice civile, viene superato il concetto di potestà, sostituito da quello di responsabilità genitoriale, al fine di disciplinare in maniera uniforme il ruolo dei genitori, con particolare attenzione ai casi di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti civili e annullamento del matrimonio. Tali novità, introdotte in campo legislativo, non trovano in molti casi un’attuazione concreta ed efficace. Rimane aperta la questione dei padri separati ai quali, ancora, non viene garantito concretamente il giusto ruolo nella vita e nello sviluppo affettivo dei figli.
A promuovere l’incontro, l’A.M.I., Associazione matrimonialisti italiani, l’Aiga, Associazione italiana giovani avvocati, l’Ordine degli avvocati di Gela e la libreria Mondadori. Relatori, Silvia Passanisi, giudice monocratico presso il Tribunale penale di Gela, Massimiliano Marù, avvocato del Foro di Gela e segretario A.M.I. di Caltanissetta, Elisabetta Rita Pasqualetto, psicologa e psicoterapeuta e l’insegnante Rosalba Occhipinti. Ad intervenire, anche il Presidente dell’Ordine degli avvocati di Gela, Ignazio Emmolo, l’avvocato Nicola Nicoletti, presidente Aiga di Gela, la professoressa Lina Orlando, responsabile Mondadori e il Gip Lirio Conti. Moderatrice, l’avvocato Stefania Valente, Presidente A.M.I. Caltanissetta.
Articolo della Dottoressa Alice Palumbo – tratto dal quotidiano Accento News

AMI LOCANDINA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio