Deve ritenersi integrato il delitto di violenza sessuale nel caso in cui la moglie non si sia rifiutata di avere rapporti sessuali con il marito per il timore causato dalle violenze e sopraffazioni che quest’ultimo la costringeva a subire all’interno dei rapporti coniugali?


(Cass., sez. III, pen., sentenza 11 luglio 2006, n. 35242)


Con la pronuncia in commento la Suprema Corte affronta la tematica della violenza sessuale, commessa dal marito a danno della moglie, maturata all’interno di un contesto familiare violento e caratterizzato da continui soprusi a danno di quest’ultima.
Per la sussistenza della fattispecie di violenza sessuale, ai sensi dell’art. 609bis c.p., occorre che la violenza e la minaccia abbiano avuto, quale conseguenza, il costringimento della vittima ad avere rapporti sessuali con il proprio carnefice.
La dottrina e la giurisprudenza unanime evidenziano come tale costringimento presupponga la mancanza del consenso al rapporto sessuale da parte del soggetto coartato. Non si può parlare di costringimento, infatti, nel caso in cui entrambi i soggetti abbiano manifestato, in maniera libera e consapevole, la propria volontà al congiungimento carnale.
Da quanto appena precisato occorre domandarsi se:
1) Possa integrarsi il delitto di violenza sessuale nel caso in cui la vittima non fosse d’accordo con il marito, ma abbia solo in apparenza acconsentito ad avere rapporti sessuali con il medesimo per timore di subire guai peggiori.
2) Possa essere considerato meno grave il fatto di violenza sessuale maturato all’interno di un contesto familiare caratterizzato, per sua natura, da un insieme di doveri reciproci di solidarietà.
La soluzione accolta dalla Suprema Corte.
Per quanto attiene al primo punto si osserva:
– Secondo i giudici della Cassazione, il fatto che la moglie avesse acconsentito ad avere rapporti familiari, sebbene non fosse d’accordo in merito a tale pratica, è emblematico della violenza morale subita dalla stessa, nell’ambito di contesto familiare caratterizzato da continue sopraffazioni e ripetuti contrasti.
– Già i giudici territoriali osservarono come la donna avesse sostenuto di essere stata ripetutamente costretta a subire rapporti sessuali, sebbene il suo dissenso fosse netto ed inequivocabile, anche se non espresso, a causa della particolare situazione familiare nella quale questa si veniva a trovare.
– In una siffatta situazione non era possibile che il marito non fosse a conoscenza o non potesse essere in grado di percepire il dissenso della vittima.
In relazione al secondo punto la Corte argomenta come segue:
– Alla violenza sessuale commessa ai danni della moglie non può essere applicata l’attenuante della minore gravità del fatto, prevista dal secondo comma dell’art. 609bis c.p., essendo del tutto irrilevante la circostanza che la condotta delittuosa sia stata commessa all’interno di un contesto familiare.
– I doveri di solidarietà che sono imposti ai coniugi non può in alcun modo, infatti, legittimare una parte a disporre del corpo e della sessualità dell’altra senza che quest’ultima abbia prestato un valido consenso al rapporto sessuale. Nel caso di specie, come sopra evidenziato, non si può dire che il consenso sia validamente prestato dalla donna che ha subito la violenza, in quanto frutto di un clima di vessazioni e sopraffazioni per fuggire dalle quali, l’unico rimedio possibile era, appunto, soggiacere alla volontà del marito.
– Per tali motivi la Corte rigetta il ricorso.


Fonte: Altalex


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio