Un edicolante romano 61enne separato pretende dalla ex moglie, casalinga marchigiana 50enne, che ha vinto alla lotteria un milione e mezzo di euro, un assegno di mantenimento da 2mila euro al mese o la metà della vincita. Lo rivelano i legali romani dell’uomo. Ma la vicenda è complicata perché i due sono separati solo di fatto. A rivelare la notizia della vincita al padre è stato il figlio.



La coppia si era sposata nel 1985 a Roma dove aveva vissuto per molti anni, e dall’unione era nato nel 1988 il figlio. Dopo anni di litigi continui, la coppia ha deciso di separarsi di fatto, e la donna, con il figlio, è andata a vivere ad Ascoli Piceno dai propri genitori, mentre il marito è rimasto nella Capitale.

Dopo il 6 gennaio 2011, grazie a una confidenza del figlio che ha passato con il padre il fine settimana, l’uomo ha scoperto che la moglie ha vinto un milione e mezzo di euro alla Lotteria Italia dell’Epifania. Così l’edicolante ha deciso di proporre un ricorso per separazione giudiziale dei coniugi davanti al Tribunale di Roma per chiedere, in relazione a quella super-vincita, un mantenimento di duemila euro mensili, oppure, in alternativa, una liquidazione una tantum di 750mila euro, la metà della vincita.

La tesi sostenuta in giudizio – spiegano gli avvocati – è quella, più volte sposata dalla Cassazione, che le vincite delle lotterie e dei giochi nazionali (totocalcio, superenalotto, gratta e vinci, ecc.) rientrano nella comunione legale dei coniugi anche se la “giocata” è stata effettuata con il denaro personale di uno solo. “Del resto – spiegano gli avvocati dell’edicolante – nel caso in esame, la coppia era separata solo di fatto e non legalmente e, dunque, al momento della vincita ottenuta dalla moglie, vigeva ancora tra i coniugi il regime della comunione legale”.


TG COM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio