Parte  dalla Sicilia una  interessante iniziativa rivolta all’integrazione dei giovani stranieri presenti sul territorio regionale.


Il progetto, presentato dal Centro di Giustizia Minorile della Sicilia, ha lo scopo di tutelare i minori stranieri, che entrano  nel circuito penale o che arrivano soli e clandestinamente nel nostro Paese, e di fare fronte al fenomeno della devianza minorile.


L’obiettivo audace del Centro è quello di migliorare le condizioni di vita e sociali di queste piccole vittime, nonchè di ottenere la garanzia dei principali diritti esistenziali. In concreto la finalità del Patto educativo è quella di porre in essere un insieme di misure sociali di natura assistenziale, sanitaria, educativa, formativa, ricreativa e culturale.


L’ambizione è quella di non lasciare soli questi ragazzi, già sradicati dal loro ambiente naturale e di ottenere misure di accompagnamento, con il coinvolgimento dei Paesi di origine, che passano anche dallo snellimento dei processi burocratici, oltre che favorendo processi di socializzazione, di miglioramento formativo, educativo e della salute psico-fisica del minore. Il tutto per conseguire un reale inserimento del ragazzo nel nuovo contesto sociale.


È un’iniziativa a largo respiro che coinvolge oltre agli Enti Locali e ad i soggetti pubblici e privati (associazioni, onlus, volontariato) anche i Consolati di diversi Paesi stranieri (Francia, Capo Verde, Ungheria, Stati Uniti, Danimarca, Tunisia, Marocco, Malta, Spagna e Filippine).


Data la rilevanza del progetto, che probabilmente sarà finanziato dal Fondo Sociale Europeo, è auspicabile che anche altre realtà italiane seguano questo formidabile esempio di integrazione.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio