Parte  dalla Sicilia una  interessante iniziativa rivolta all’integrazione dei giovani stranieri presenti sul territorio regionale.


Il progetto, presentato dal Centro di Giustizia Minorile della Sicilia, ha lo scopo di tutelare i minori stranieri, che entrano  nel circuito penale o che arrivano soli e clandestinamente nel nostro Paese, e di fare fronte al fenomeno della devianza minorile.


L’obiettivo audace del Centro è quello di migliorare le condizioni di vita e sociali di queste piccole vittime, nonchè di ottenere la garanzia dei principali diritti esistenziali. In concreto la finalità del Patto educativo è quella di porre in essere un insieme di misure sociali di natura assistenziale, sanitaria, educativa, formativa, ricreativa e culturale.


L’ambizione è quella di non lasciare soli questi ragazzi, già sradicati dal loro ambiente naturale e di ottenere misure di accompagnamento, con il coinvolgimento dei Paesi di origine, che passano anche dallo snellimento dei processi burocratici, oltre che favorendo processi di socializzazione, di miglioramento formativo, educativo e della salute psico-fisica del minore. Il tutto per conseguire un reale inserimento del ragazzo nel nuovo contesto sociale.


È un’iniziativa a largo respiro che coinvolge oltre agli Enti Locali e ad i soggetti pubblici e privati (associazioni, onlus, volontariato) anche i Consolati di diversi Paesi stranieri (Francia, Capo Verde, Ungheria, Stati Uniti, Danimarca, Tunisia, Marocco, Malta, Spagna e Filippine).


Data la rilevanza del progetto, che probabilmente sarà finanziato dal Fondo Sociale Europeo, è auspicabile che anche altre realtà italiane seguano questo formidabile esempio di integrazione.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio