MILANO – «Di fronte all’attuale disgregazione della famiglia in tutta Europa, i giuristi matrimonialisti hanno manifestato l’esigenza di definire una giurisdizione europea comune in materia di diritto di famiglia». Con questa premessa Elena Menon, presidente distrettuale di Milano dell’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani), ha aperto oggi il convegno sul tema Codice europeo della famiglia: realtà o utopia? Legislazioni e prassi a confronto, che si è svolto presso l’Atahotel Executive e che ha visto la presenza anche dei giuristi stranieri Gheorghe Alexandru (Romania), Gonzalo Ferrer (Spagna), Marie Catherine Gaffinel (Francia), Robert Goedecke (Germania), e dell’assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Milano, Massimo Pagani. «Troppe sono le differenze normative tra stato e stato in ordine alla tutela della famiglia, dei minori e più in generale delle persone», ha commentato Gian Ettore Gassani, presidente nazionale AMI, «il raggiungimento di questo obiettivo renderà per davvero l’Europa unita e non solo un insieme di paesi amici, uniti da strategie economiche e militari».


IL QUADRO EUROPEO – Attualmente 10 milioni di cittadini europei risiedono in uno stato membro dell’Ue che non è il loro, per motivi di studio, lavoro o di ricongiungimento familiare. Ogni anno si contano 170mila divorzi tra coniugi di diversa nazionalità, il 20% dei divorzi complessivi nell’Unione. Basti pensare che solo in Italia, otto matrimoni “misti” su dieci falliscono per diversità culturale. Nel Vecchio continente, esistono almeno 27 diritti di famiglia (tanti quanti i paesi dell’Unione) completamente diversi. Basti pensare che a Malta è possibile divorziare solo da maggio 2011, mentre in Francia esistono già da oltre un decennio i Pacs, i Patti Civili di Solidarietà. Secondo l’AMI, a questo proposito esiste una preoccupante disomogeneità sul rispetto dei diritti delle coppie di fatto, eterosessuali o omosessuali. In molti paesi i conviventi sono equiparati in tutto e per tutto alle coppie sposate. Mentre altri, come Paesi Bassi, Belgio e Spagna, hanno aperto anche al matrimonio tra persone dello stesso sesso per realizzare la parità perfetta tra cittadini.


In generale ogni stato ha un suo diritto interno e un suo processo con sensibili differenze, specie su tempi e prassi del divorzio, sugli assegni di mantenimento e alimentari, sulle procedure di riconoscimento di paternità, sull’affidamento dei minori e sui protocolli di ascolto. Non va sottovalutato il fenomeno delle sottrazioni internazionali di minori che stanno affliggendo migliaia di genitori italiani, troppo spesso privi di tutela nonostante le leggi internazionali. È il caso ad esempio di Marinella Colombo, protagonista di una lunga e intricata vicenda giudiziaria, relativa al trasferimento dei figli dalla Germania all’Italia, tuttora aperta e al vaglio della Cassazione (prossima udienza 21 maggio). «La mia storia non è un caso isolato», ha detto la donna, presente oggi al convegno AMI in qualità di linguista, «è soltanto emblematica delle diverse interpretazioni e applicazioni del diritto di famiglia nei vari paesi».


Sono inoltre in crescita i provvedimenti per la protezione di adulti incapaci emessi dai giudici dei paesi in cui risiedono, ma di cui non hanno la nazionalità. Analoghi problemi sorgono a seguito del decesso di una persona:in Europa si contano 100mila pratiche di successione transnazionale. Questi numeri hanno indotto l’Unione europea a mettere tra le sue priorità lo sviluppo di uno spazio giudiziario comunitario, per consentire ad ogni cittadino europeo di far valere i suoi diritti indipendentemente dallo stato membro in cui si trova.


LA SITUAZIONE ITALIANA – In 40 anni si è assistito alla riduzione del 50% del numero dei matrimoni, dai 420mila del 1972 ai 210mila del 2010. Negli ultimi 20 anni si è assistito a una triplicazione dei procedimenti di divorzio e separazione. Oggi quattro matrimoni su dieci si trasformano in separazioni e divorzi. L’evidente trasformazione della famiglia italiana degli ultimi anni si evidenza anche nel netto aumento delle coppie di fatto, e dei bambini nati fuori dal matrimonio (uno su cinque).


L’AMI osserva come il diritto di famiglia italiano attraversi diverse difficoltà e ritardi. Ultima nel mondo, ad esempio, l’Italia ha recepito l’affidamento condiviso (Legge 54 del 2006). Viene inoltre segnalata la mancanza di tutele per le coppie di fatto, nonostante la recente sentenza della Cassazione 4184/2012, con cui viene definito che le persone omosessuali conviventi in stabile relazione di fatto sono titolari del diritto alla “vita familiare” e possono agire in giudizio in “specifiche situazioni” per reclamare un “trattamento omogeneo” rispetto ai conviventi matrimoniali. Altre criticità sono rappresentate da tempi e prassi per ottenere il divorzio, che deve essere sempre preceduto dalla separazione: almeno quattro anni per il divorzio consensuale e tempistiche lunghissime in caso di rito contenzioso, mentre in Parlamento giace il disegno di legge sul “divorzio breve”.


Si sottolinea inoltre la frammentazione delle competenze giurisdizionali, con l’anomalia italiana che vede la presenza di tre giudici (Giudice Ordinario, Tribunale per i Minorenni e Giudice Tutelare). Molti addetti ai lavori spingono verso un’unica figura, rappresentata dal Tribunale per la Famiglia, formato da magistrati iper specializzati. La disomogeneità delle prassi nei 165 tribunali italiani, richiama la necessità di definire linee guida condivise sul modus operandi dei giudici.


Altre criticità emerse dal convegno sono la discriminazione dei figli naturali rispetto a quelli legittimi, il mancato riconoscimento dei patti prematrimoniali, il calo del 40% delle adozioni internazionali nel nostro paese, che arrivano a costare anche fino a 30mila euro. E ancora, l’aumento delle violenze intra familiari (circa 200 all’anno), che rappresentano la prima causa di morte violenta in Italia, peggio degli omicidi imputabili alla malavita organizzata. Infine i matrimonialisti dell’AMI pongono l’attenzione sui crescenti fenomeni di emigrazione all’estero degli italiani per esercitare i propri diritti, dal turismo procreativo al “turismo divorzile”: negli ultimi 6 anni 8mila coppie italiane hanno scelto di divorziare all’estero. «Tutte queste inefficienze ci dicono come in Italia serva un diritto uguale per tutti, e che si allinei al resto del mondo occidentale», conclude con un auspicio l’avvocato Elena Menon, «affinché un codice europeo della famiglia non resti un’utopia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  •  Carmine
    "Buongiorno sono padre di un ragazzo di 13,e sono separato... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio