(ASCA) – Roma, 26 mar – Nell’Unione europea si celebrano sempre meno matrimoni, aumentano i divorzi e cresce il numero di bimbi nati al di fuori del nozze: nel 2011 la cifra si attestava intorno al 40%. Lo rivela l’Eurostat nel suo Rapporto sulle tendenze demografiche per l’occupazione e la situazione sociale dei Ventisette.

Sempre nel 2011, il Paese con il piu’ alto tasso di coppie ad aver ponunciato il fatidico si’ e’ stato Cipro (7,3%).

Ultima della fila invece Bulgaria (2,9%), poco sopra la Slovenia (3,2%), Lussemburgo (3,3%), Spagna, Italia e Portogallo tutti 3,4%).

La media euoropea si attesta al 4,4%, in diminuzione negli ultimi 11 anni, quando nel 2000 era il 5,2% dei cittadini Ue ad unirsi nel sacro vincolo. Negli anni ’90 era il 6,3%. Le analisi Eurostat si sono focalizzate su un campione di 1000 abitanti.

Il piu’ alto tasso di divorzi nell’Ue viene invece registrato in Lettonia, il piu’ basso a Malta, quando nell’intera Unione il numero di chi decide di sciogliere il proprio matrimonio e’ cresciuto. Nel 1990 ci sono infatti stati 1,6 divorzi ogni 1000 persone, 1,8 nel 2000 e 1,9 nel 2009. L’Italia si difende con meno di un divorzio ogni 1000, ovvero lo 0,9%, quasi allo stesso passo di Irlanda (0,7%) e Malta (0,1%).

La decrescita dei matrimoni nell’Ue e l’aumento dei divorzi si riflette tuttavia anche sull’aumento del numero di bambini nati al fuori del matrimonio. Nel ’90 tra i Ventisette la cifra si attestava al 17%, rispetto al 27% del 2000 e del 40% nel 2011.

Di recente, le percentuali piu’ elevate sono state registrate in Estonia (60%), Slovenia (57%), Bulgaria e Francia (entrambe 56%). Le piu’ basse in Grecia (7%), Cipro (17%) e Polonia (21%). Boom anche dell’Italia, che dal 6,5% del 1990 e 9,7% del 2000 passa persino al 23,4% di bambini nati fuori dalle nozze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio