palermo1“Si è regolarmente svolto  l’evento organizzato dall ‘A.M.I. a Palermo dal titolo ” Tutela dei minori e problematiche familiari tra normativa italiana e straniera”.palermo4

I numerosi relatori hanno approfondito l’argomento, tristemente attuale , da ogni angolazione ed hanno fornito ai numerosi avvocati presenti strumenti validi per risolvere i problemi che ornai spesso si presentano nei casi di coppie di nazionalità straniera.
In particolare l’evento è stato apprezzato per l’attenzione rivolta ai minori non accompagnati che sbarcano quotidianamente sulle coste siciliane. E ciò andando anche oltre i rigidi formalismi legislativi.palermo5
La presenza dei tre Consoli onorari ha sicuramente dato all’evento la connotazione di internazionalità che è l’unica strada da percorrere nel tentativo di risolvere problemi che non possono essere ricondotti all’interno di precisi e formali limiti geopolitici. Significativa in tal senso la partecipazione diretta del Presidente di un’Associazione come quella dei residenti ivoriani a Palermo . “

2 risposte a Tutela dei minori e problematiche familiari tra normativa italiana e straniera: convegno dell’AMI Palermo

  • Salvatore Maccarrone scrive:

    I giudici italiani non tutelano i minori ma le madri. La legge 54 è una vergogna e prende in giro gli italiani. Sappiate che negare un figlio al padre e viceversa da parte delle madri e dai giudici è equivalente, anzi superiore al reato di stupro di gruppo senza assistenza psicologica per le vittime. Continuare a parlare di questo argomento è una presa in giro ai padri ed una vergogna per chi lo fa per professione. La legge e la costituzione vengono calpestate dai giudici che agiscono in scienza e coscienza permettendo i più vili dei ricatti dando in ostaggio i figli. Vergogna i peggiori delinquenti protetti dal manto che fanno e disfano impunemente tutto ciò che vogliono perchè tutti hanno paura di loro. Certo tra loro vi saranno certamente delle persone per bene ma in quest’argomento sono dei veri e propri delinquenti.

  • giuseppe scrive:

    tutto vero, hanno il coltello dalla parte del manico, i giudici danno ragione sempre a loro, tranne qualche raro caso, forse neanche leggono bene le carte. purtroppo e’ un campo senza confini e credo che anche gli avvocati, trovano difficolta’. un carcerato, sa quando uscira’ dal carcere, invece un bimbo che va in casa famiglia, entra e non sa quando uscira’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio