Rischia una condanna chi chiede denaro per sé con la scusa di spese della futura casa comune (Cassazione 23857/2009)


Commette il reato di truffa chi inizia una relazione sentimentale con una donna promettendo di sposarla per ottenere somme di denaro necessarie per la futura casa coniugale e destinandole invece a necessità personali. Lo ha stabilito la Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione confermando una condanna per il reato di truffa aggravata emessa dalla Corte di Appello di Messina.
Un signore siciliano, a seguito della presentazione di una denuncia-querela, era stato accusato e rinviato a giudizio per il reato di truffa aggravata perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso e con artifici e raggiri consistiti nella falsa intenzione di iniziare una relazione sentimentale con una signora a scopo di matrimonio e di avere necessità di denaro per preparare la futura casa coniugale e per sostenere le sue spese personali, procurava a sé un ingiusto profitto con pari danno per la parte offesa che gli consegnava la somma di cento milioni in assegni e contanti.
Condannato in primo grado dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, l’imputato ricorreva in appello sostenendo che il giudice di primo grado avrebbe dovuto assolverlo in quanto aveva dubitato della credibilità oggettiva della parte offesa. La Corte di Appello di Messina, esaminati gli atti, aveva ritenuto che la ricostruzione dei fatti fornita dalla parte offesa in ordine all’abile raggiro operato dall’imputato ai suoi danni trovasse una serie di riscontri tali da apparire verosimile e dotata di intrinseca logicità, rilavando che non fosse emersa alcuna ragione di astio né alcuna altra ragione per la quale la querelante avrebbe dovuto accusare ingiustamente l’imputato, così come confermato nelle dichiarazioni delle parti e dei testimoni. Dall’analisi del materiale probatorio acquisito, la Corte di Appello aveva sostanzialmente confermato la decisione con la quale il Tribunale aveva assolto l’imputato dal più grave reato di estorsione lasciando invariata la condanna per truffa in quanto l’imputato aveva costruito il rapporto con la vittima intorno ad un progetto comune appropriandosi dei risparmi della donna e facendosi addirittura consegnare denaro dalla madre di lei, senza dare corso alla realizzazione del progetto stesso.
Contro la sentenza di appello l’imputato aveva proposto ricorso in Cassazione sostenendo che la sentenza di condanna dovesse essere censurata perché si fonderebbe su una prova assolutamente indiziaria, mancando elementi di certezza in ordine alla prova del fatto. La Suprema Corte, respingendo il ricorso, ha affermato che “il giudizio di penale responsabilità dell’imputato si fonda su una prova che è costituita dalla deposizione della parte offesa come nella dichiarazione testimoniale della parte offesa deve essere considerata, per il suo contenuto, una prova storico – rappresentativa dei fatti oggetto del giudizio e non può essere degradata, per il suo contenuto, in mero indizio”, tanto più che “tale dichiarazione testimoniale è stata sottoposta al vaglio di credibilità e, superandolo, può essere considerata pienamente utilizzabile nei suoi risultati”. In buona sostanza, le dichiarazioni della donna raggirata e dei testimoni sono sufficienti a smascherare le reali intenzioni dell’imputato, che con la scusa dell’amore coniugale perseguiva la ben diversa finalità di procurarsi denaro.


CITTADINOLEX

0 risposte a TRUFFA PROMETTERE IL MATRIMONIO PER SPILLARE SOLDI

  • Ezio scrive:

    Sono stato raggirato da una ragazza argentina e ho perso 30000 euro. Ho la carta della denuncia. Scopo matrimonio e investimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mag
23
gio
14:30 Le nuove frontiere dell’avvocato... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Le nuove frontiere dell’avvocato... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Mag 23@14:30–18:30
Le nuove frontiere dell'avvocato familiarista: il mediatore familiare e il consulente di comunicazione...istruzioni per l'uso @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Evento accreditato dal COA di Bologna (4 crediti formativi di cui 2 in deontologia forense). Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio