Clamorosa sentenza della Corte di Cassazione che ha condannato una signora di Ferrara che circondava di troppe cure ed attenzioni il proprio bambino.


Questa eccessiva protezione, esercitata dalla madre e dal nonno nei confronti del minore, ha determinato un grave rallentamento dello sviluppo psicofisico del bambino, poiché tenuto lontano dal resto del mondo.


Non solo il bambino è stato allontanato dal contesto scolastico (asilo), ma anche dal padre separato.


Proprio da una denuncia di quest’ultimo è nato il procedimento penale a carico della madre e del nonno.


Entrambi sono stati condannati ad una pena detentiva (coperta dal condono) di un anno e 4 mesi.


La Corte si è espressa stabilendo che “l’aver chiuso il figlio nelle mura domestiche dal 1997 al 2004” per “iperprotezione e  ipercura” costituiscono reato di maltrattamento in famiglia al pari di altre forme di vessazione dei minori.


Il bambino è stato trattato come se fosse poco più di un neonato, a tal punto da non imparare ancora a camminare bene. Addirittura, il minore ha potuto conoscere i propri coetanei solo all’età di 6 anni, alle elementari.


La patologica esasperazione con cui veniva trattato il bambino aveva determinato la cancellazione della figura paterna, poiché il “regime” imposto dalla madre e dal nonno impedivano gli incontri del padre con il bimbo e, per giunta, avevano fatto in modo che il cognome paterno fosse “soppresso” nella mente del minore. Difatti a scuola il figlio era riconosciuto esclusivamente con il cognome materno.


Avv. Claudio Sansò


Presidente Sezione AMI SALERNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio