Lo ha stabilito il Tribunale per i Minorenni di Catanzaro con decreto depositato il 31 gennaio scorso ( Presidente Dott. Luciano Trovato, Giudice Relatore Dot.ssa Teresa Chiodo).


Ed infatti sostiene il Tribunale che, per costante giurisprudenza ella Cassazione,   anche a seguito dell’intervento della legge 54/2006, è stato riconosciuto non un vero e proprio diritto di visita dei nonni o degli altri congiunti, ma solo un interesse del minore ad una crescita sana ed equilibrata alla cui realizzazione possono contribuire anche le figure dei congiunti , a meno che non ci siano ragioni che ostano  al mantenimento di tale rapporto. Pertanto i parenti di ciascun ramo genitoriale possono vedersi riconosciuto , ai sensi degli artt. 333 e 336 c.c. il proprio “diritto” solo quando sussiste un effettivo impedimento alla frequentazione del minore frapposto dai genitori e solo qualora tale impedimento sia carente di ogni ragione e non può, viceversa , ritenersi sussistere ogni qual volta vengano dedotte e provate serie circostanze che sconsigliano il rapporto.


Nel caso di specie i nonni materni di due bimbe avevano adito il Tribunale per i Minorenni nei confronti dei genitori delle nipotine   per l’adozione ex art. 333 c.c. di un provvedimento a tutela delle minori affinché potessero incontrare i nonni materni.


Ma dall’istruttoria era emerso che non sussistevano situazioni pregiudizievoli in danno delle minori, suscettibili di determinare l’adozione di provvedimenti limitativi della potestà genitoriale: le due bambine  serene, intelligenti e comunicative, erano ben inserite nel contesto familiare; i genitori delle bimbe , figure forti e rassicuranti , rappresentavano un valido riferimento affettivo  ed educativo per la prole. Invece  si era manifestata  in maniera evidente una situazione di forte conflittualità tra nonni e genitori delle bimbe, causata dalla totale ed ingiustificata disapprovazione dei nonni nei confronti dell’indirizzo educativo adottato dai genitori nei confronti delle minori . Inoltre dalla Corte era stato rilevato che   l’ accesa conflittualità si era palesata anche nel corso dell’udienza , costringendo il giudice istruttore ad allontanare dall’aula  i nonni ricorrenti .


Ed in decreto  il Tribunale  evidenzia che è innegabile che le gravi censure –anche in udienza – formulate dai nonni materni nei confronti soprattutto del genero e risultate non suffragate da idonei riscontri, le indebite intrusioni effettuate nella privacy familiare, costituiscono espressione di una totale sfiducia dagli stessi nutrita  nei confronti delle capacità genitoriali del papà e della mamma delle minori ed interferiscono negativamente sul progetto educativo familiare e sull’armonico sviluppo della personalità in itinere delle minori.


Pertanto il Tribunale per i Minorenni ha rigettato il ricorso dei nonni materni, ribadendo che  l’interesse dei nonni a frequentare i nipoti può essere preso in considerazione  solo ove risulti  che dalla mancata frequentazione derivi un pregiudizio  a carico dei minori e come, nel caso di specie, una più intensa frequentazione tra le minori ed i nonni materni attuata per via giudiziaria in un clima apertamente ostile e conflittuale non può certo ritenersi rispondere all’interesse delle bambine, ma è al contrario suscettibile di costituire fonte di pregiudizio per le medesime.


Il Tribunale invitava infine  i nonni materni per il futuro a rapportarsi con le nipoti serenamente ed in maniera corretta  senza assumere iniziative suscettibili di interferire sul progetto educativo dei genitori o comunque idonee a non invadere l’ambito delle prerogative e dei poteri che appartengono al demanio esclusivo dei genitori esercenti la potestà;solo a tale condizione  potrà ritenersi che il rapporto con i detti congiunti sia effettivamente essenziale ed utile per la crescita psicofisica delle bambine”.


 


Avv. Margherita Corriere


Presidente Sezione Distrettuale AMI di Catanzaro

Una risposta a Tribunale per i Minorenni di Catanzaro :I nonni troppo invadenti non possono pretendere un diritto di visita nei confronti dei nipoti

  • primearmi scrive:

    Buongiorno, avrei una domanda. Non sono sposata ed ho un figlio di 4 anni con il mio compagno. Di comune accordo da due anni non frequentiamo più i nonni paterni a causa di eccessiva invadenza e dei comportamenti.scorretto nei nostri confronti e nei confronti del minore. Mia suocera tittavia continua ad avete atteggiamenti persecutori, scrivendo mail, messaggi, facendosi trovare sotto casa e recapitando lettere brevi manu a casa (entrando nel.nostro palazzo). In caso la situazione degenerasse (lei.ci minaccia da tempo di portarci in tribunale per impedimento a frequentare il nipote, dove è certa di vincere), sarebbe possibile avvalersi anche di questi episodi persecutori per provare la sua estrema invadenza e la nostra difficoltà a frequentarla? Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
14
ven
15:45 IL DIRITTO PENALE NELLA FAMIGLIA... @ Aula F. Miro Tribunale di Taranto
IL DIRITTO PENALE NELLA FAMIGLIA... @ Aula F. Miro Tribunale di Taranto
Giu 14@15:45–19:00
 Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio