Il tribunale di Nuoro, con la sentenza n. 424/2018, sulla scia della recente pronuncia delle Sezioni Unite n. 18287/2018, ha riconosciuto in favore della ex moglie, ultracinquantenne, un assegno divorzile di 800 euro mensili.

Tale pronunciamento trova la sua ragione sul presupposto che la donna, lavoratrice, si è dedicata alla famiglia per 30 anni, durante i quali ha cresciuto tre figli. Altresì hanno ritenuto i giudici nuoresi che la signora è impossibilitata a trovare un impiego più retribuito di quello attuale e per il fatto che aveva perso la casa (di proprietà dell’ex consorte), per cui ha diritto a un aiuto per pagare un canone di locazione.

In altre parole il Tribunale di Nuoro ha tenuto conto della funzione perequativa, compensativa e assistenziale dell’assegno divorzile e  declamati dalle S.U; il tutto tenendo conto del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune, al reddito di entrambi, dell’età della richiedente e della durata del matrimonio.

Avv. Claudio Sansò

Presidente AMI Salerno – Coordinatore Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio