ROMA – Quasi ottocento arresti e oltre mille denunce, ma soprattutto l’individuazione di molti dei canali da cui passava la tratta degli esseri umani, spesso ragazze minorenni vendute nei loro paesi e costrette a prostituirsi in Italia, violentate e minacciate.
Minorenni comprate in patria per duecento euro e costrette a prostituirsi, anche incinta e per 12 ore al giorno, per portare ai loro sfruttatori cinquemila euro al mese. E’ la realta di molte ragazze minorenni coinvolte nel giro di prostituzione scoperchiato dall’operazione della polizia contro la tratta di esseri umani. Nei quattro mesi d’indagine, spiega il direttore della Dac della polizia Francesco Gratteri, è emersa una situazione di “assoluta indigenza delle ragazze costrette a prostituirsi” e l’ “assoluta cattiveria degli sfruttatori”. Per questi ultimi c’era un giro d’affari “rilevantissimo”. Tante le situazioni che avevano superato ampiamente il limite della schiavitù, con ragazze malmenate, violentate o costrette in strada sotto la minaccia dei riti voodoo. “A Torino abbiamo scoperto due ragazzi albanesi, di cui uno con regolare permesso di soggiorno per motivi di studio – racconta Chiara Giacomantonio, responsabile della sezione minori dello Sco – che dopo aver comprato una ragazza di 16 anni in un paese dell’Est promettendole il solito lavoro da baby sitter, l’hanno costretta a prostituirsi per mesi, sotto costanti minacce e subendo violenze e pestaggi”. Ancora peggio quello che è accaduto ad un’altra ragazza di 16 anni a Reggio Calabria. “Arrivata in Italia con la promessa di un lavoro – dice Giacomantonio – è stata costretta a prostituirsi anche senza precauzioni. E dopo esser rimasta incinta ha continuato a prostituirsi fino al sesto mese di gravidanza”. Alla ragazza non è stato permesso di abortire e solo grazie all’aiuto di alcune ‘colleghe’ è riuscita a sottrarsi ai suoi sfruttatori e a partorire senza perdere il bambino.


FONTE:ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio