Il presidente dell’Associazione matrimonialisti: «riguarda il 30% delle coppie»
La Corte di appello di Salerno rende esecutiva sentenza del Tribunale ecclesiastico: «Le condizioni erano chiare»


SALERNO – C’è una speranza per chi ha la suocera troppo invadente, ma comporta il sacrificio (ammesso che tale sia) di rinunciare al partner. La Corte di appello di Salerno ha reso esecutiva una sentenza del Tribunale ecclesiastico interdiocesano salernitano-lucano con cui era stata dichiarata la nullità del matrimonio tra un commerciante di Ravello e una donna di Amalfi. Lui prima del matrimonio aveva posto una condizione: che la madre della sposa non interferisse nella vita coniugale. La donna evidentemente non ha rispettato i patti, tanto che il genero si è rivolto a un avvocato per chiedere l’annullamento delle nozze al Tribunale ecclesiastico, richiesta accolta dal Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica che ha preso in considerazione il non rispetto della condizione posta dal marito. E ora, su richiesta della sposa, è arrivata la sentenza della Corte di appello di Salerno che dichiara esecutiva in Italia la sentenza.


VERSIONI DIFFERENTI – «Il matrimonio è durato appena 4 mesi, ma è stato un inferno – spiega il 36enne -. Pensavo che le storielle sulle suocere cattive fossero una invenzione, ma mi sono dovuto ricredere. Spiegare quello che ho passato è inutile, bisogna passarci. Ora la mia vita è cambiata. Dopo la separazione ho perfino sperato di incontrare una donna orfana di madre, pur di non ripetere quell’esperienza. Grazie a Dio, ho incontrato la donna giusta e una suocera buona e comprensiva. L’unica ferita ancora aperta riguarda mia figlia, nata da quell’unione. Non la vedo da molto tempo e per questo motivo c’è un giudizio in corso». Ben diverso il punto di vista della ex moglie: «Mia madre una suocera invadente? No, solo una madre preoccupata delle condizioni psichiche e fisiche della figlia – ribatte il 31enne -. Il mio ex marito non si è mai occupato né di me né di mia figlia. I mesi del matrimonio sono stati terribili a causa del comportamento inaccettabile dell’uomo che avrebbe dovuto amarmi e rispettarmi. Mia madre, come del resto mio padre, non hanno fatto nulla di diverso di quanto avrebbero fatto una madre e un padre responsabili».


30% DELLE SEPARAZIONI – Un caso, quello della suocera invadente, che secondo il presidente dell’Associazione matrimonialisti italiani Gian Ettore Gassani, che riguarda molte coppie italiane e che rappresenta la causa principale per il 30% delle separazioni. «Il provvedimento può rappresentare una novità per quanto riguarda il diritto della Chiesa, ma conferma un principio già consolidato nel diritto di famiglia italiano – sottolinea Gassani -. La Cassazione ha sancito che è addebitabile la separazione giudiziale al coniuge che ha tollerato o favorito l’ingerenza del proprio genitore in danno del ménage familiare e/o dell’altro coniuge. Le ingerenze dei suoceri sono equiparate alle infedeltà coniugali in termini di gravità. Si calcola che in Italia il 30% delle separazioni giudiziali dipenda da tali situazioni. Tuttavia prevale statisticamente il dato che le suocere più terribili siano le madri dei mariti, spesso in competizione con le mogli».


CORRIERE DELLA SERA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook1Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio