Il marocchino vive a Vicenza: «Ho già preso casa». E promette battaglia legale per ottenere la trascrizione dell’unione

VICENZA — La casa dove iniziare una vita assieme, a Vicenza, era già pronta, con tanti sogni e prospettive. Ma Abdelghani Bousetaoui, cuoco 30enne di origini marocchine, non potrà ottenere il ricongiungimento familiare e quindi abbracciare sua moglie Farah: gli uffici comunali del capoluogo berico gli hanno respinto la trascrizione dell’atto di matrimonio, avvenuto nel maggio 2012 a Marrakech, perché la sposa all’epoca aveva 15 anni: troppo giovane, l’ordinamento italiano pone infatti come limite inderogabile i 16. Il 30enne, emigrato quando aveva 5 anni e cittadino italiano dal 2010, si è visto bocciare dall´ufficiale dello Stato civile dell´anagrafe l’atto perchè contiene «elementi contrari all´ordine pubblico italiano». E niente trascrizione vuol dire niente ricongiungimento. Almeno per i prossimi tre anni. «La trascrizione può legittimamente avvenire solo alla scadenza del diciannovesimo anno di età della sposa» sostiene l’anagrafe, cioè al compimento della maggiore età più un anno, il tempo di promuovere, nel caso in cui fosse stata costretta, un’azione di nullità. «Farah non è stata costretta, ci siamo sposati per amore, siamo innamorati» spiega il cuoco, con già un matrimonio alle spalle. Nelle scorse settimane si è rivolto agli avvocati Paolo Mele senior e Agron Xhanaj, che hanno presentato ricorso al tribunale civile contro il rifiuto del Comune. «Un accertamento psico fisico su Farah – fanno sapere i legali – era già stato compiuto prima del matrimonio dall’autorità giudiziaria marocchina, che aveva anche nominato suo padre come tutore. Negando alla ragazza di venire a Vicenza si nega anche la possibilità di accertare la sua volontarietà e i suoi sentimenti. È inutile rimandare il problema di tre anni».

Tratto dal Corriere del Veneto

Una risposta a Sposa 15enne, «matrimonio illegittimo».

  • Vito Mastrorocco scrive:

    L’Italia è un nazione con le sue leggi democratiche. Questo signore che a scelto di vivere in Italia, vuol dire che accetta le leggi italiana. Per le sue tradizioni, quelle in sintonia con l’Italia, bene, le altre può benissimo ritornare al suo paese di origine. L’Italia è un paese democratico, per questo non farà nulla per trattenerlo. Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio