La Suprema Corte, con sentenza n. 5236 del marzo 2007, seguendo i dettami della Convenzione dell’Aja del 1980 (ratificata nel 95 dall’Italia) ha chiarito che il giudizio della domanda di rimpatrio non investe il merito della controversia.


In sostanza, il Tribunale per i Minorenni non deve verificare qual’è l’interesse superiore del minore o, per meglio dire, la migliore sistemazione dello stesso. Il giudice di prime cure dovrà esclusivamente ripristinare lo status quo di residenza del minore, senza soffermarsi sull’esistenza di un titolo di affidamento (salvo che non sia esecutivo) e dovrà valutare esclusivamente la situazione di fatto preesistente all’espatrio, per ordinare il rientro nel luogo di abituale dimora. D’altro canto, è proprio il ripristino della situazione ex ante a tutelare, implicitamente, l’interesse preminente del minore.


Il ricorso prendeva spunto dall’erronea applicazione della legge. Difatti, il ricorrente contestava come il TM avrebbe dovuto applicare l’art 10 della Convenzione di Lussemburgo, sempre del 1980, e non quella dell’Aja.


Segnaliamo che le due Convenzioni, pur presentando la medesima finalità, quale la tutela del minore, hanno contenuto, funzioni e condizioni di applicabilità diverse. Presupposto della prima è l’esitenza di una decisione sull’affidamento che deve essere esecutiva, mentre per la seconda è rilevante lo status quo della dimora abituale, determinando l’irrilevanza del pur presente titolo giuridico di affidamento (ma non esecutivo). In pratica la Convenzione dell’Aja si applica per tutelare una situazionedi fatto.


In definitva, anche qualora sussista un provvedeimento giurisdizionale sull’affidamento (non esecutivo) ed il minore rimanga all’estero oltre i limiti indicati per il dirtto di visita, l’interessato è legittimato a chiedere solo l’ordine di rientro immediato e non l’esecuzione del provvedimento. Caratterisitche principali dell’ordine di rimapatrio sono quelle dell’urgenza e della sommarietà, necessarie ad impedire il radicamento del minore nel luogo in cui è stato condotto. Difatti, l’art. 11 della Conv. Aja afferma che:”le autorità giudiziarie ed amministrative di ogni Stato contraente, devono procedere d’urgenza per il ritorno del minore”.


In ultimo, va ricordato che gli unici motivi ostativi all’immediato reimpatrio, previsti dalla Conv. Aja e che potrebbe indurre i giudici a non richiederlo, sono: il fondato rischio per il minore di essere esposto, per il fatto del suo ritorno, a pericoli fisici o psichici ovvero il rifiuto al rientro opposto dallo stesso minore, una volta valutata l’età e la maturità necessaria.   


 


 

0 risposte a SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI. IL GIUDICE NON DEVE ENTRARE NEL MERITO

  • mellouli karim scrive:

    salve

    sono mellouli karim abderrahim ,cittadino itliano,nato in marocco il 14.05.1973

    in marocco consciuto una ragazza ,fatima ezzahra el moufid nata in marocco il 17.10.1983,e dalla nostra relazione in data 18.07.2006,e nata in marocco la nostra figlia rania .

    n ell estate del 2007 era venuta ad abitare con me anche la nostra bambina in italia .

    un anno dopo ,fatima ha iniziato a dirmi che sentiva la nostalgia del marocco e dei suoi famigliare ,siamo partiti tutti tre per il marocco ,siamo stati ospitati della sua mamma .dopo due giorne fatima e sparita CON LA NOSTRA FIGLIA RANIA .SONO VENUTO A CONOSCENZA CHE FATIMA ERA ANDATA AVIVIRE IN FRANCIA CON LA SUO EX RAGAZZO -EL HARCHA MORAD ,UN PREGIUDICATO DI AVER DATTO ALLE FIAMME UN POSTO SACRO UNA CHIESA A MONTPELLIER IN FRANCIA .PER TROPO LA MIA FIGLIA SI TROVA A CONDIZIONE ASSOLUTAMENTE INAFFIDABILE …QUESTA SITUAZIONE MI FA SUFRIRI VOGLIO AIUTO….E GIUSTIZIA..GRAZIE

    DISTINTI SALUTI

    MELLOULI KARIM ABDERRAHIM VIA BOTTA 152 MORBEGNO 23017 SO TEL 3285526340

Rispondi a mellouli karim Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio