Il Governo ha presentato un rapporto su “bambine e bambini temporaneamente fuori dalla famiglia d’origine”, promosso dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e realizzato dall’Istituto degli Innocenti di Firenze.

I dati, aggiornati al 31 dicembre 2010, raccontano di 29.309 minori ospitati in comunità-alloggio o affidati temporaneamente a famiglie: si tratta di poco meno di 3 bambini e ragazzi di 0-17 anni ogni 1.000 coetanei. Rispetto ai dati rilevati nel 1998/99 il fenomeno è cresciuto del 24%, visto che a quella data i bambini interessati erano 23.636, ma lo stesso rapporto precisa che l’incremento delle accoglienze è dovuto all’aumento significativo del ricorso all’affidamento familiare. ”Ciò ha portato nel tempo – si legge – a un sostanziale allineamento tra i numeri degli accolti nelle strutture residenziali (14.781 minorenni) e nelle famiglie affidatarie (14.528)”.

Considerando lo stesso decennio, la presenza straniera sul totale dei bambini e dei ragazzi collocati al di fuori dalla propria famiglia è cresciuta notevolmente, passando da poco meno del 10% al 22%. Tra gli accolti, “la quota dei minori stranieri non accompagnati rappresenta poco meno del 22% del totale degli stranieri, ovvero circa il 4% del totale dei ‘fuori famiglia’: questo particolare gruppo di stranieri, quasi tutti adolescenti, è accolto prevalentemente (88%) in strutture residenziali”.

Seguono le “motivazioni alla base dell’accoglienza”, ossia i motivi che hanno condotto i Tribunali dei minorenni, affiancati dai servizi sociali, a disporre l’allontanamento di un bambino dalla sua famiglia di origine: il 37% sarebbe risultato vittima di inadeguatezza genitoriale; il 9% di problemi di dipendenza di uno o entrambi i genitori; l’8% di problemi di relazioni nella famiglia; il 7% di maltrattamenti e incuria; il 6% di problemi sanitari di uno o entrambi i genitori.

Trovarsi fuori dalla propria famiglia, aggiunge il rapporto, “non implica necessariamente la recisione dei rapporti e dei contatti tra figli e genitori. Vi sono situazioni specifiche in cui la destinazione dei bambini deve rimanere non conosciuta ai loro genitori; negli altri casi l’accoglienza non può accompagnarsi alla scomparsa della famiglia di origine. Sia per i bambini in affidamento che per quelli presenti nelle comunità, emerge una trama abbastanza sostenuta di contatti e di visite tra genitori e figli: il 74% dei bambini in comunità incontra periodicamente uno dei genitori (soprattutto la madre) tutte o quasi tutte le settimane; il 42% rientra a casa propria il fine settimana oppure secondo altre modalità concordate. Contatti e relazioni che interessano, anche se in misura minore, i bambini in affidamento familiare; in questo caso è il 60% dei bambini che incontra almeno uno dei genitori tutte o quasi tutte le settimane”.

Per quanto riguarda i periodi di permanenza degli ‘accolti’, “presentano una differenziazione notevole”: accanto a bambini e ragazzi che sono in accoglienza da pochi giorni, altri lo sono da anni”. Tra i presenti al 31 dicembre 2010, “la quota di quanti sono stati accolti negli ultimi tre mesi è del 9%, da 3 mesi a 12 mesi esatti è del 24%, da 12 mesi a 24 mesi esatti è del 19%, da 24 mesi a 48 mesi esatti è del 22%, mentre sono il 26% quanti sono accolti da oltre 48 mesi.

I dimessi nel 2010 sono stimati in poco più di 10.000 bambini e ragazzi. Le motivazioni della conclusione dell’accoglienza sono prevalentemente due: il rientro nella famiglia di origine (34%) e il passaggio a un’altra accoglienza (34%). Mentre il 7% dei bambini intraprende il percorso in una nuova famiglia adottiva attraverso il collocamento in affidamento preadottivo, a fronte di un 8% che raggiunge la vita autonoma. Il restante 17% è interessato “da situazioni diversificate”.

Non sempre i giovani che raggiungono la maggiore età vengono dimessi, puntualizza il rapporto: i neomaggiorenni tra i 18 e i 21 anni che rimangono nelle strutture sono 2.844 e nel 36% dei casi si tratta di ragazzi stranieri.

La maggior parte degli accolti (86%), infine, “ha un progetto educativo individualizzato che delinea i principali aspetti degli interventi di protezione e tutela. Nel caso dei bambini in affidamento, si è in grado di sapere anche che nel 74% dei casi il servizio sociale pubblico ha messo in campo specifiche attività di sostegno ai genitori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio