Trento, lascia la moglie dopo 15 anni di matrimonio


 


Lui, lei e .. il cane: il troppo amore di una donna per il suo amico a quattro zampe, ha portato il marito a chiedere la separazione. Secondo l’uomo infatti la moglie avrebbe messo, in una fantomatica scala degli affetti, l’animale ben prima di lui. E’ così che dopo 15 anni di matrimonio, una coppia triestina scoppia e l’uomo decide di chiedere la seperazione con addebito nei confronti della moglie.

All’inizio la loro sembra una storia d’amore in piena regola e destinata a durare nel tempo. 15 anni fa si incontrano, si conoscono e decidono di andare a convivere. Poi il matrimonio. Ma subito dopo la cerimonia, ecco che i problemi e i piccoli attriti cominiciano a venire a galla.

Secondo l’uomo, ogni aspetto della vita di coppia sembra lentamente ma inesorabilmente andare alla deriva. Ma a rendere il tutto sempre più intollerabile, è la presenza di un terzo incomodo piuttosto ingombrante: il cane. Come infatti il marito racconta nella richiesta di separazione con addebito nei confronti della moglie, qualsiasi momento della vita di coppia viene scandito dalle esigenze dell’animale: a cena nei ristoranti solo dove il cane può entrare, idem per i locali e nella scelta dei luoghi di vacanza.

Dopo anni di questa routine, l’uomo ha deciso di dire basta a moglie, matrimonio e cane: per ritrovare la serenità lascia il tetto coniugale per provare a rifarsi una vita lontano dalla donna e dall’animale. L’ultima parola adesso è affidata ai giudici che, nelle intenzioni dell’uomo, riconsocendo la colpa della moglie potranno restituirgli almeno in parte la dignità offesa da anni vissuti all’ombra dell’ingombrante coinquilino a quattro zampe
TG COM…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio