Si sono quadruplicati in nemmeno tre anni, passando da 1.066 a 4.173, i viaggi delle coppie infertili italiane all’estero in cerca di un bambino in provetta. Sono i dati aggiornati presentati a Roma dall’Osservatorio sul turismo procreativo, che hanno confrontato la situazione precedente all’approvazione della legge 40 sulla fecondazione artificiale e quella attuale.Nei 27 centri di 10 Paesi considerati nell’indagine si è rilevato “un aumento significativo della presenza di italiani”, ha detto Andrea Borini, presidente dell’Osservatorio e dei Cecos Italia.


Tuttavia, ha aggiunto, “la percezione avuta in questo periodo, con la legge 40 a regime, è che molte coppie che si recano all’estero tornino sui propri passi, deluse da aspettative non realizzate (ad esempio perché non sono riuscite a congelare gli embrioni) o comunque con la sensazione che si stia attuando sulla loro pelle un vero e proprio business”. Spesso alla delusione si aggiungono disagi logistici, psicologici ed economici. I costi sono sempre alti, ma non sono cambiati negli ultimi anni: la Fivet con ovodonazione costa fra 5.000 e 7.000 euro,da sola costa fra 3.500 e 3.700 euro. L’Icsi può avere un costo aggiuntivo di 500-1.000 euro, mentre la diagnosi genetica pre-impianto può costare fra 1.500 e 3.500 euro.Ecco la situazione rilevata nell’indagine:  


SPAGNA: è la meta preferita dalle coppie italiane, aumentate da 60 a 1.365 in tre anni; nei 7 centri spagnoli di riferimento considerati nell’indagine gli italiani rappresentano fra il 10% e il 50% dei pazienti. Il fenomeno è in deciso aumento, anche grazie all’ottima organizzazione spagnola al servizio del turismo procreativo, con tanto di interpreti al servizio dei pazienti, medici italiani o bilingue. Ad attrarre, secondo l’indagine, sono anche le ampie possibilità previste dalla legge spagnola. Tra queste, la diagnosi pre-impianto e la selezione del sesso del nascituro (quest’ultima, però, consentita solo nel caso di malattie legate ai cromosomi sessuali). Una delle tecniche più richieste dalle coppie italiane è la donazione di ovociti, che prevede un rimborso per le donatrici (spesso studentesse o comunque donne molto giovani) compreso fra 2.000 e 3.000 euro. In Spagna c’é infatti un fiorente mercato di gameti.


BELGIO: ogni anno almeno 775 italiani si rivolgono al Belgio per la fecondazione artificiale e Bruxelles si conferma tra le principali mete in Europa. Ad attrarre è soprattutto la Free University, il maggiore centro europeo specializzato, con 3.500 cicli l’anno. Qui dopo la legge 40 le coppie italiane sono raddoppiate (dal 5 all’11% del totale dei pazienti). La diagnosi pre-impianto è la tecnica più richiesta.


SVIZZERA: alta (almeno 740 coppie) la presenza delle coppie italiane (molte provenienti dalla Lombardia) soprattutto a Lugano. Ad attirare le coppie è la possibilità di congelare egli embrioni, mentre è vietata la donazione di ovuli e la diagnosi pre-impianto è permessa solo sul globulo polare, il corpuscolo che viene espulso dall’ovocita appena fecondato.


GRAN BRETAGNA: alti costi e difficoltà linguistiche sono un deterrente per la coppie italiane, che si rivolgono soprattutto a centri con medici che parlano italiano. Nonostante ciò il numero delle coppie italiane è quadruplicato, passando da 25 a 100, concentrate essenzialmente a Londra. Tra le tecniche più richieste dai pazienti, la diagnosi genetica pre-impianto.


STATI UNITI: come la Gran Bretagna, sono un riferimento solo per chi ha elevate possibilità economiche e conosce la lingua. Le coppie italiane si rivolgono soprattutto Cornell University di New York, American Fertility Services e università di Harvard. Ma solo in quest’ultima il numero delle coppie italiane é aumentato, passando dallo 0,5-1% all’1-2% del totale.


AUSTRIA E REPUBBLICA CECA: l’affluenza di italiani è aumentata sensibilmente, passando da 22 a 500 coppie.


SLOVENIA: serve soprattutto l’area di Trieste. A Lubiana, dopo la legge 40, gli italiani sono diventati il 10% dei pazienti.


GRECIA: le coppie italiane si concentrano a Salonicco e sono attualmente il 12-15% del totale dei pazienti.


Fonte: ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio