La Corte di cassazione (Sezione I civile) con sentenza  del13 aprile 2012 n. 5883


ha dichiarato legittimo il provvedimento di adozione dei minori anche quando vi sia un parente stretto che si è dichiarato disponibile ad occuparsi del minore.


Nello specifico vi erano la zia e la nonna che avevano manifestato tale volontà di prendersi cura dei nipoti, ma gli Ermellini hanno ritenuto che gli stessi non avevano dato prova di un interesse reale verso i bambini o non hanno fatto nulla per alleviarne la condizione di sofferenza.


Per tali ragioni la Suprema Corte ha respinto i ricorsi dei familiari.


 


La dichiarazione di adottabilità dei due fratellini seguiva a gravi carenze e maltrattamenti continuati da parte dei genitori, ampiamente documentati nel tempo dai servizi sociali, culminati in episodi gravissimi come il tentativo di suicidio da parte del fratellastro di nove anni (dopo aver appiccato un incendio nella casa familiare), ma anche la presenza di carie non curate nella bambina e l’asportazione per proprio conto dei punti a seguito di un intervento chirurgico da parte dell’altro fratellino. Il tutto in una condizione di estremo degrado.


 


La nonna, del resto, nel lungo periodo di osservazione da parte dei servizi sociali, oltre al “disinteresse dimostrato per le squallide condizioni di vita dei bambini” aveva rivelato “una costante incapacità di comprendere le esigenze dei nipoti” e il rifiuto di collaborare con i servizi stessi. Mente la zia che pure si era dichiarata disposta a tenerli ed aveva fatto loro qualche visita saltuaria in istituto, aveva dimostrato un interesse tardivo. Infatti, “l’accertamento dei significativi rapporti fra i parenti entro il quarto grado e il minore […] rappresenta un prius, non un posterius, rispetto all’audizione dei medesimi parenti”. E la Corte di Appello aveva appunto accertato “l’insussistenza di simili rapporti con la zia materna”.


 


Avv. Claudio Sansò


Presidente AMI SALERNO


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  •  Massimiliano
    "Il consenso informato, argomento caldo in questo periodo nel quale... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio