L’epiteto “rovina famiglie” non costituisce offesa. La quinta sezione penale della Cassazione assolve dal reato di ingiurie un marito tradito dalla moglie che nel 2004 per strada apostrofò l’amante.


Via libera agli sfoghi contro gli amanti. La licenza arriva dalla Cassazione che sottolinea come il coniuge tradito possa rivalersi sul rivale dandogli del “rovina famiglie”. L’epiteto, infatti, non costituisce offesa. In questo modo la quinta sezione penale (sentenza 31177) ha convalidato l’assoluzione dal reato di ingiurie nei confronti di un marito tradito dalla moglie.
Il marito tradito incontrando per strada l’amante della moglie gli aveva dato del “rovina famiglie”. Denunciato, veniva assolto prima dal giudice di pace (novembre 2006) e poi dal tribunale di Parma nel gennaio 2008. Contro l’assoluzione l’amante ha fatto ricorso in Cassazione essendosi sentito ingiuriato dall’epiteto.


Piazza Cavour ha respinto il ricorso e ha evidenziato che il marito tradito non ha commesso alcun reato avendo risposto per un ”fatto ingiusto subito in quanto contrastante con l’obbligo di fedeltà reciproca, obbligo che permane fino a che non sia intervenuta pronuncia di separazione”. Il fatto poi che la relazione extraconiugale si fosse instaurata solo in seguito alla separazione ”non esclude affatto che i relativi prodromi -dice la Suprema Corte- si fossero manifestati in epoca antecedente e che proprio ciò avesse dato causa alla separazione visto che la relazione tra la donna e l’amante aveva avuto inizio nell’aprile del 2004” proprio nella stessa epoca della separazione”. Quindi, concludono gli “ermellini”, il marito tradito dando del “rovina famiglie” al rivale ”poteva essere giunto alla conclusione che la separazione fosse stata dovuta a comportamenti contrastanti con l’obbligo di fedeltà”.


LA REPUPPLICA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio