Dinanzi la nona sezione del Tribunale di Milano presieduta da Anna Maria Gatto si è svolta a porte chiuse il processo a carico di un 56enne custode di campeggi sul Lago di Garda per reati di violenza sessuale alla prostituzione minorile e pedopornografia commessi da un italiano all’estero.E’ la più alta condanna in primo grado(14 anni e 65 mila euro di multa) mai inflitta in Italia. Una sentenza basata su presupposti giuridici diversi da quelli che nel 2002 condussero il Tribunale di Roma a infliggere 12 anni per turismo sessuale in Centroamerica e Thailandia ad un 53enne di Varese. Nel corso dei due anni di indagine, ad opera di un infiltrato della Polizia Postale, sono stati raccolti cd con immagini e filmati, fotografie, migliaia di filmini che il custode conservava nella casa thailandese dove si verificavano le “gesta” erotiche con ragazzini e ragazzine, circa 400 giovinetti con i quali affermava d’aver avuto rapporti sessuali. Decisive sono state le registrazioni telefoniche nelle quali l’imputato si vantava delle proprie performance asiatiche con dovizia di particolari e consigli “per scoprire i luoghi della prostituzione minorile del posto, i luoghi dove andare per i rapporti, le modalità con le quali adescare minori di 14 anni nei centri commerciali o alle fermate degli autobus.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio