La “disinvoltura” e il modo di fare “disinibito” e “intraprendente” di una ragazzina di 13 anni non rende meno grave il comportamento dell’uomo maturo che consuma con la minorenne consenziente rapporti sessuali completi. Lo dice la Corte di Cassazione, che rifiuta (con la sentenza 34120) di far rientrare nell”ipotesi di minor gravità” l’abuso. Per i giudici l’adulto avrebbe dovuto infatti avere “una sorta di obbligo morale di protezione e una particolare cautela nei confronti della minore”. (da “Il Sole 24 ore” del 12 ottobre 2006)  


 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Manuela
    "E' davvero una bruttissima notizia è stato anche per me... "
    Leggi tutto...
  •  avv, Maria Franzetta
    "Sono esterrefatta ed incredula. Ho avuto modo di conoscere personalmente... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio