ROMA – «La famiglia italiana sta attraversando un momento di crisi non soltanto per colpa delle suocere o delle infedeltà, quanto per una crescente abulia sessuale, 
specie in ambito coniugale, che ridimensiona l’etichetta di amatori focosi di cui gli italiani storicamente si fregiano». 

Lo dichiara l’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, secondo cui l’assenza di rapporti sessuali è all’origine del 20% delle separazioni nel nostro Paese. Le cause possono essere organiche e/o psicologiche, di certo generate da complessi meccanismi. Spesso all’origine di un matrimonio non consumato c’è l’incontro di un uomo con disfunzione erettile con una donna con altri problemi (che contrae involontariamente i muscoli delle pareti vaginali) oppure di un lui con problemi di eiaculazione precoce, con una lei affetta da dispareunia (con dolori associati ai rapporti sessuali, anche di natura organica).

Nella maggior parte dei casi, spiegano i sessuologi, dietro l’assenza di rapporti c’è un consenso anche se inconscio dei coniugi, che si trovano tra molti e si scelgono per continuare ad evitare di confrontarsi con la sessualità. In caso di mancanza di desiderio da entrambe le parti, la coppia gode di una sorta di soddisfazione solo apparente, vista la necessità profonda di vivere la sessualità per corpo e psiche. Se solo uno dei partner rifiuta i rapporti, per l’altro inizia un periodo di frustrazione, incomprensione, dispetti e ripicche. 

Grazie alla terapia di coppia e alle cure di un sessuologo, si può uscire da situazione del genere, ma è necessaria una grande e totale forza di volontà da parte di entrambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Gianni Loiacono
    "RIFORMA PILLON. La riforma sembrerebbe un fatto positivo perché da... "
    Leggi tutto...
  •  marco
    "esatto conosco diversi casi in cui gli assistenti del comune... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Nov
16
ven
14:30 L’ESCALATION DEGENERATIVA DAL RE... @ Federazione Marchigiana BCC
L’ESCALATION DEGENERATIVA DAL RE... @ Federazione Marchigiana BCC
Nov 16@14:30–19:30
LOCANDINA CONVEGNO STALKING_16.11.18 Sono previsti tre crediti formativi per gli avvocatiCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
15:00 Tavola rotonda AMI BARI LA CARTA... @ Aula Magna Corte di Appello di Bari
Tavola rotonda AMI BARI LA CARTA... @ Aula Magna Corte di Appello di Bari
Nov 16@15:00–19:00
Evento gratuito accreditato dall’ORDINE DEGLI AVVOCATI BARI (3 crediti formativi) ed in corso di accreditamento presso l’ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI PUGLIACondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
15:30 LA CARTA DEI DIRITTI DEI FIGLI N... @ Bari - aula magna Corte d'Appello di Bari
LA CARTA DEI DIRITTI DEI FIGLI N... @ Bari - aula magna Corte d'Appello di Bari
Nov 16@15:30–19:00
Evento accreditato dall’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI (3 crediti formativi) e  dall’ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI PUGLIA (3 crediti formativi). AMI Bari 16 nov 2018 sk iscrizione convegno BariCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio