“Ogni anno in Italia ci sono almeno 4.000 coppie che nell’ambito di separazioni e divorzi si scontrano per l’affidamento del cane, del gatto o della tartaruga”. Lo rivela l’avvocato Gian Ettore Gassani, presidente nazionale e fondatore dell’Ami (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani), portando all’attenzione dell’opinione pubblica un fatto ai più sconosciuto. Gli animali di famiglia, con i quali si creano dei veri e propri rapporti dipendenza come fossero figli, entrano così sempre più spesso nelle aule di Tribunale. Un fenomeno esploso negli ultimi anni e legato in parte al crollo delle nascite in Italia: “non si mettono al mondo bambini – spiega Gassani – ma gli italiani, guardiamo per esempio il caso delle famiglie romane e milanesi, non rinunciano ad avere una cane o un gatto in casa proiettando su di essi gli stessi sentimenti di accudimento e di amore che si hanno per un figlio. Insomma l’amore per i pet non è secondo a nessuno”. E i giudici nelle cause di separazione si trovano “inevitabilmente costretti a prendere delle decisioni anche in ordine all’animale di famiglia, oggetto di contesa”. Che significa stabilire le spese di mantenimento, del veterinario, di chi lo debba portare a spasso nei giorni dispari e chi in quelli pari.

I GIUDICI VALUTANO CASO A CASO
“Non c’è una norma specifica che regolamenti il diritto di visita o il mantenimento dell’animale – puntualizza l’avvocato -, i giudici vanno molto a naso e valutano caso per caso, a seconda della razza e quindi dei costi di gestione”. Ed emette un provvedimento che non automaticamente tiene conto delle scritture private. Sì perché da qualche anno a questa parte stanno fioccando le scritture private che consentono di individuare percorsi condivisi in caso di separazione delle coppie. Nel 2015 “sono state oltre 20.000 le richieste di consulenza” alle associazioni che si occupano di animali “da parte di coppie che al momento di lasciarsi si sono resi conto di dover fare i conti con gli animali di famiglia e in particolare con i cani che acquistati insieme erano di fatto parte della famiglia”, fa sapere l’Aidaa (Associazione italiana difesa animali ed ambiente) alla quale si sono rivolte da inizio anno circa 2.000 persone (“con un incremento del 55% rispetto a tutto il 2015”) per chiedere un parere per la scrittura privata.

FA FEDE IL NOMINATIVO DELL’INTESTATARIO DEL MICROCHIP
E se l’Aidaa ricorda che per identificare la proprietà del cane fa fede il nominativo dell’intestatario del microchip, tanto da risolvere nella maggior parte dei casi le liti ancora prima che entrino in tribunale, l’avvocato Gassani da parte sua afferma che la scrittura privata va a buon fine solo se la coppia è d’accordo. “In questo caso – spiega il presidente dell’Ami – le scritture possono essere fatte valere in giudizio ma il giudice, sopravvenuti altri elementi nella lite familiare, possono anche non tenerne conto”. D’altronde, lascia pensare Gassani, “a volte sottrarre un cane o un gatto al partner è un modo subdolo per vendicarsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio