Legittima l’addebito della separazione il comportamento del coniuge cha ha a lungo taciuto all’altro la propria impotentia generandi, determinando detto silenzio, in un matrimonio intervenuto in età matura, la frustrazione del desiderio del partner di divenire genitore. È quanto emerge dalla sentenza della Cassazione n. 3230 del 1° marzo 2012, che costituisce l’esito di una complessa vicenda giudiziaria la quale è giunta per ben due volte innanzi alla Suprema Corte.
La prima tappa di tale vicenda è stata la pronuncia con cui il Tribunale di Firenze decretava la separazione personale di due coniugi, con addebito al marito, il quale aveva taciuto alla moglie la propria impotenza generandi, condannandolo a corrispondere alla moglie un assegno mensile di euro 900,00. Sul gravame del soccombente, la Corte di appello di Firenze ribaltava la decisione, ritenendo che l’addebito a carico del marito per non aver rivelato alla moglie di essere affetto da impotenza generandi non poteva ritenersi dimostrato né dalla prova testimoniale assunta, in quanto alcuni testi si erano limitati a riferire i fatti narrati dalle stesse parti, mentre altri avevano dimostrato di non conoscerli a sufficienza, né dalla mancata prestazione dell’interrogatorio formale da parte del coniuge. Viceversa, il giudice dell’appello addebitava la separazione alla moglie a causa del suo pacifico adulterio, causa esclusiva determinante la rottura del matrimonio, anche sul rilievo per cui questa, dopo aver appreso l’affezione del marito, non si era avvalsa del rimedio dell’annullamento del matrimonio, ma aveva atteso circa due anni per intraprendere il giudizio di separazione, in concomitanza proprio con lo scoperto adulterio e perciò con finalità meramente strumentale.
Avverso la sentenza di appello, la Corte di Cassazione, nell’accogliere il ricorso, ha cassato il provvedimento impugnato rinviando nuovamente alla Corte d’appello che, stavolta, confermava la decisione di primo grado con l’addebito della separazione al marito e la liquidazione dell’assegno in favore della moglie (Cass. civ., sez. I, sent. 6697/2009).
Ancora interpellata sulla questione, la Cassazione, con la pronuncia in oggetto, ha respinto il ricorso del soccombente confermando la sentenza impugnata, la quale si fonda, più che sulla minimizzazione dell’adulterio della moglie, sull’anteriorità ad esso della frattura tra i coniugi dovuta al grande e definitivo rilievo dell’effetto che il silenzio sulla impotenza ha provocato sulla psiche della moglie. La condotta del marito, infatti, anche in considerazione della tarda età in cui sono giunti al matrimonio i soggetti della vicenda, ha definitivamente privato la moglie della legittima aspettativa di potersi realizzare anche come madre.
In sostanza, la Cassazione ha affermato il principio secondo cui la separazione non può essere addebitata al coniuge infedele, qualora l’incidenza del tradimento sulla relazione non ha spiegato effetti negativi sull’unità familiare e se la relazione è andata in crisi per altri motivi e cioè perché, l’altro coniuge, pur consapevole di non poter avere figli già prima delle nozze, ha taciuto sulla sua impotentia generandi.
Diritto.it…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio