A deciderlo è stata la Cassazione con una sentenza recente (n. 8928 del 4 giugno 2012), che ha dato peso alla condotta dell’uomo una volta uscito di casa.
Costui è stato condannato infatti per lesioni contro la moglie, avendo perpetrato ai danni della stessa una serie di vessazioni e pressioni subito dopo la fine della convivenza, e tali scorrettezze sono, secondo i giudici di legittimità, idonee a giustificare un addebito.
Il ricorso dell’uomo deve essere respinto, in base al seguente principio di diritto:«la condotta tenuta da uno dei coniugi dopo la separazione e in prossimità di essa, se pure priva di efficacia autonoma nel determinare l’intollerabilità della convivenza, può comunque essere valutata dal giudice, quale elemento alla luce del quale valutare la condotta pregressa ai fini del giudizio di addebito».


diritto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Marianna
    "Buonasera dove trovo il testo integrale del vademecum per la... "
    Leggi tutto...
  •  LANDO capparuccini
    "Sono un padre separato con Piva, vista la situazione sanitaria... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio