Oggi il numero di coppie poco “omogenee” è in continua crescita. Negli ultimi 10 anni le coppie in cui un partner è straniero sono aumentate del 300%. Nell’80% circa dei casi il matrimonio riguarda un italiano e una straniera, in prevalenza donne provenienti dalle Filippine, dalla Romania, dal Perù.
Solo il 10% riguarda persone di religione diversa, come cristiani e mussulmani (dati ISTAT). La differenza di religione può essere un ostacolo perché, nelle sue forme più rigorose, coinvolge la concezione stessa della vita.
L’attrazione scatta più facilmente rispetto al passato, ma non è detto che i pregiudizi siano scomparsi. Nella maggior parte dei casi, accompagnano la vita di qualsiasi coppia che non rientri nei più stretti canoni della c.d. “normalità”. Non a caso la formazione di coppie miste subisce degli ostacoli non soltanto in Occidente, ma anche in altri Paesi. Il pregiudizio, infatti, riguarda non solo il colore della pelle, ma anche il credo religioso, le abitudini, la cultura. E’ quindi necessario essere consapevoli delle differenze, ricordando che non si tratta di ideologia, ma di scelte di vita comune.
Alla base del successo c’è una conoscenza profonda del proprio partner, dell’ambiente nel quale vive e che vorrebbe riproporre nella coppia e nella famiglia. E, inoltre, una grande chiarezza su come si vorrà impostare la vita futura, perché spesso sono proprio gli scontri sulle piccole cose a far saltare le unioni basate sull’amore e non sulle convenienze economiche o sociali.
A questo proposito un grande aiuto può arrivare dalle famiglie d’origine: l’accettazione di un nuovo membro “diverso” facilita l’inserimento sociale e toglie alla coppia un grosso carico di stress.


Avv. Cesira Cruciani, Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio