In America un hacker rischia molto di più di uno stupratore minorenne che agisce in branco.

Il caso, di cui si può leggere sui maggiori quotidiani odierni, ha coinvolto Deric Lostutter, conosciuto anche con il nome di KYAnonymous, un giovane  hacker aderente al gruppo hacktivists Anonymous.

Costui, quando ha visto le foto di una 15enne stuprata e umiliata da un team di football su Instagram, Twitter e Facebook, ha deciso di vendicare la giovane, violando il sito ufficiale della squadra dei ragazzi colpevoli e minacciando di rilasciare numeri di previdenza sociale e altre informazioni personali degli aggressori, se costoro non avessero rimosso il materiale, scusandosi con la vittima. Il tutto sullo sfondo di un paesino dell’Ohio dove si è cercato di  insabbiare la cosa, facendola passare per “una ragazzata”.

Il fatto di cronaca, che purtroppo non si discosta da eventi simili accaduti nel nostro paese, ha però la conseguenza giuridica assurda che il giovane hacker informatico rischia pene più severe di quelle che toccheranno agli stupratori. Infatti Lostutter, in base al Computer Fraud and Abuse Act (CFA), l’emendamento alla legge americana del 1986 che tratta l’hacking come un grave reato federale, rischia una pena fino a cinque volte superiore  a quella spettante ai ragazzi del branco, che in quanto minorenni, rischiano pene da uno a due anni di carcere.

Pur sorvolando sulla questione della liceità del comportamento dell’hacker, risulta veramente assurdo pensare che la  violazione di un sistema informatico venga considerata più grave della violazione del corpo di una ragazza.

In Italia, almeno non siamo arrivati a tanto. L’accesso abusivo a sistema informatico è inserito tra i reati ma con una previsione di pena decisamente inferiore a quella del reato di stupro, anche se, spostandosi sul piano dell’applicazione delle pene ci sarebbero da fare una serie di considerazioni molto amare sul nostro sistema giudiziario. In più il disvalore sociale di un comportamento così grave anche da noi risente di situazioni omertose e indecenti: un caso per tutti, il tristemente famoso stupro in branco di Montalto di Castro, liquidato anch’esso da molti compaesani degli stupratori come “una ragazzata” (vedi articoli apparsi su questo stesso sito A.M.I. sulla vicenda). Tutto il mondo è paese, quindi, quando si tratta di abusare del corpo delle donne.

 

Avv. Elena Finotti – sez. territoriale A.M.I. di Latina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Alessandra
    "Sono separata da 14 anni e mezzo e la guerra... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Per le leggi esistenti in Italia come anche all'estero la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio