Se il matrimonio salta e la coppia “scoppia”, vanno restituite al partner le somme da questi versate (durante il fidanzamento) a titolo di partecipazione alle spese per la costruzione della futura casa.


 


Secondo la Cassazione , in questi casi, si è in presenza di un versamento fiduciario (ossia realizzato per un apposito interesse personale), che dà la possibilità di ottenere indietro tutti i soldi versati prima del “si” sull’altare.


 


Così, una ragazza si è vista riconoscere (tanto nei primi due gradi di giudizio, quanto dalla Suprema Corte) il diritto a ottenere la restituzione di tutti i versamenti che aveva fatto, in precedenza, sul conto corrente del fidanzato, per contribuire alle spese di acquisto della futura casa familiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio