La violenza contro le donne è diventata una piaga sociale. Seppur sia terribile parlare di numeri- perché dietro ai numeri ci sono storie, vite spezzate, affetti, drammi- vale la pena ricordare che da un decennio a questa parte i fatti di sangue, soprattutto quelli all’interno della famiglia, hanno superato di gran lunga quelli legati alla malavita organizzata.  A farne la spesa sono soprattutto le donne.

La vicenda tremenda della giovanissima Sara purtroppo è solo l’ultima di una lunghissima serie di femminicidi avvenuti ad opera di mariti, amanti, fidanzati, ex che non si sono voluti rassegnare. A peggiorare le cose, in questa situazione, è l’indifferenza di chi avrebbe potuto almeno tentare di salvare una vita e non l’ha fatto. Anche questo, purtroppo un segno dei nostri tempi.

Nei primi mesi del 2016 sono già 55 i femminicidi avvenuti. Quarantatré di questi, secondo i dati riportati dall’istituto di ricerche economiche e sociali Eures, sono avvenuti all’interno del nucleo familiare, e la metà all’interno della coppia.  La questione è ampia e abbraccia diversi ambiti. Leggi che dovrebbero prevenire e reprimere reati di questo tipo esistono già. Ma evidentemente non bastano. Spesso le denunce non solo non sono sufficienti, ma spesso si trasformano in una condanna a morte certa per chi le ha sporte. Il 40% delle donne uccise dal loro marito/compagno avevano già denunciato il loro carnefice. Questo è il segno che il sistema non funziona e che la legge antistalking non ha ottenuto gli effetti sperati.  Inoltre, molti reati intrafamiliari finiscono in prescrizione o, quando c’è una sentenza di condanna, si tratta di sanzioni penali del tutto irrisorie e simboliche. Occorre riformare il diritto penale, inasprire le pene, prevedere misure cautelari efficaci. Ma occorre anche cambiare la cultura sociale della gente. Il delitto d’onore è stato abrogato nel 1981 ma nella testa di molti uomini ancora persiste. La donna viene da molti di loro vista come una proprietà, un possesso. Quando la donna decide di troncare una relazione, non l’accettano e diventano violenti fino ad arrivare al gesto estremo. Occorre già dai banchi di scuola educare al rispetto delle persone e delle loro scelte, bisogna proteggere le donne e convincerle comunque a denunciare le violenze domestiche, visto che solo il 9% di loro si ribella al carnefice. Noi avvocati sappiamo benissimo che quando l’abuso si palesa, anche con un solo schiaffo, deve scattare l’allarme rosso. Perché ciò significa che ormai la violenza ha fatto capolino e forse non si fermerà più. E spesso si scopre che le più grandi tragedie sono cominciate dopo uno schiaffo. Per non parlare, poi, di quando le aggressioni avvengono davanti ai bambini. Anche se il sistema attuale purtroppo non sempre riesce a proteggere le donne da tutto questo, il consiglio- che sembrerà banale ma non lo è affatto – è di sporgere denuncia. La paura è il peggior nemico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
20
gio
15:30 Modalità e tecniche di ascolto d... @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Modalità e tecniche di ascolto d... @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Giu 20@15:30–18:30
Modalità e tecniche di ascolto del minore. Opinioni a confronto tra i diversi operatori. @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Evento accreditato dall’COA di Gela (tre crediti formativi). Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
21
ven
10:00 PIANETA FAMIGLIA: tra innovazion... @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
PIANETA FAMIGLIA: tra innovazion... @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
Giu 21@10:00–19:00
PIANETA FAMIGLIA: tra innovazioni normative e applicazioni giurisprudenziali a che punto siamo @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
Evento interdistrettuale dell’AMI Toscana, Liguria ed Emilia Romagna. All’evento sono stati attribuiti 7 crediti formativi di cui 1 in materia obbligatoria (deontologia). Saranno accettate le prime 200 richieste ricevute attraverso invio ai seguenti indirizzi di[...]
Giu
27
gio
14:30 L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Giu 27@14:30–18:30
L'assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma approvata dalla Camera @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Vi segnaliamo il Convegno che si terrà presso il Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1  il 27 giugno dal titolo “L’assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma[...]
16:30 I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
Giu 27@16:30–19:30
I maltrattamenti in famiglia e gli atti persecutori: delitti prodromici al femminicidio @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
  La partecipazione è gratuita e dà diritto a n.3 crediti formativi per gli Avvocati manifesto 27 giugno  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio