Stanotte i Carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino hanno eseguito tre ordinanze di applicazione di misure cautelari nei confronti di uomini resisi responsabili di gravi episodi di violenza in famiglia. In particolare, a Bracigliano (SA), i militari della locale Stazione hanno eseguito un’ordinanza applicativa dell’obbligo di presentazione alla p.g. emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Salerno nei confronti di S.M., 18enne, disoccupato, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

Il giovane, da circa un anno e soprattutto negli ultimi mesi, si era reso responsabile di soprusi e vessazioni nei confronti degli anziani genitori, costringendoli anche a consegnargli piccole somme di denaro per futili spese, destinate all’acquisto di sigarette o da impiegare in scommesse sportive, arrivando persino ad aggredirli o a devastare l’abitazione in caso di diniego.

Castel San Giorgio (SA) i carabinieri della locale Stazione hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di dimora emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Nocera Inferiore nei confronti di L.G., pregiudicato 39enne di Roccapiemonte, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Il provvedimento è scaturito dalla piena concordanza dell’A.G. con le risultanze investigative acquisite a suo carico a seguito della denuncia sporta dall’ex moglie, 40enne casalinga di Roccapiemonte, che hanno permesso di documentare che la medesima e le figlie minorenni, da alcuni anni, erano vittime di continue aggressioni e vessazioni che non si era fermate nemmeno quando andò via di casa dopo l’ennesimo litigio; in un’occasione, constatati problemi per l’incontro con i figli, la donna è stata selvaggiamente aggredita procurandole finanche la frattura delle ossa nasali.

Infine, a Mercato San Severino (SA), la locale Stazione ha eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Salerno nei confronti di C.A., 43enne impiegato del luogo, ritenuto responsabile di atti persecutori e maltrattamenti in famiglia. Il provvedimento scaturisce dalle risultanze investigative acquisite a suo carico a seguito della denuncia sporta nel mese di giugno dalla consorte, 43enne, casalinga del luogo, che hanno consentito di documentare che la medesima, da svariati anni, veniva aggredita e sottoposta a maltrattamenti e continue vessazioni, cagionandole un grave stato di ansia e paura, costringendola a modificare le proprie abitudini di vita. 

Il Presidente dell’AMI di Salerno, l’avv. Claudio Sansò, su tali episodi così commenta: “l’intervento delle forze dell’ordine è stato tempestivo e a loro va sicuramente un plauso. Si tratta, comunque di episodi gravi che oramai riempiono le cronache quotidiane. Credo che l’intervento governativo sullo stalking e il femminicidio dia maggiori strumenti di repressione alle forze dell’ordine, ma ora bisogna puntare molto di più sulla prevenzione di questi fenomeni, prevenzione ad oggi del tutto mancante”.

Una risposta a Salerno: tre casi di violenza in famiglia.

  • salvatore scrive:

    OCCORRE UNA LEGGE CHE NON DIA PRIVILEGGI ALLE DONNE E CHE NON UTILIZZI I FIGLI MINORI. UOMO E DONNA SONO DUE PERSONE CON PARI DIGNITA’ E DIRITTI. LA VIOLENZA VA’ PUNITA SEVERAMENTE COME VANNO PUNITE ALTRETTANTO SEVERAMENTE LE CAUSE COLPOSE, QUANDO VE NE SONO, CHE LA GENERANO. LA PREVENZIONE ED EVENTUALMENTE L’INTERVENTO DELLO STATO A SUPPORTO SONO ESSENZIALI COME ESSENZIALE E’ L’INTERVENTO TEMPESTIVO DELLE FORZE DELL’ORDINE O DI EVENTUALI ALTRE STRUTTURE OCCORRENTI. LA SUPERFICIALITA’, LA NON PROFESSIONALITA’, LA DISPARITA’ DI TRATTAMENTO E L’UTILIZZO DEI FIGLI SONO CAUSE SCATENANTI RABBIA E LA VIOLENZA .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  •  Carmine
    "Buongiorno sono padre di un ragazzo di 13,e sono separato... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio