La Corte di Cassazione ha imposto ad un 22enne salernitano il divieto di avvicinare la sua ex fidanzata dopo le continue e ripetute molestie subite dalla giovane su Facebook, La ragazza 20enne dopo aver lasciato il fidanzato è stata oggetto di “ossessive e petulanti attenzioni e molestie” da parte dello stesso, concretizzatesi in continui messaggi di posta elettronica e scritte sulla bacheca del profilo del famoso social network tanto che la ragazza è stata costretta a denunciarlo per stalking.

E così il giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Salerno con un provvedimento confermato dal Tribunale del Riesame, applicando le nuove disposizioni contemplate per i reati di stalking, ha sancito il divieto per il ragazzo di avvicinarsi alla propria ex fidanzata. La decisione non è stata presa di buon grado da parte del ragazzo che tramite i suoi legali ha deciso di presentare ricorso in Cassazione.


La Suprema Corte, per la prima volta, con sentenza notificata qualche giorno fa ai difensori della ragazza Giancarlo Calzone e Loreno Attore ha confermato la decisione dei giudici dei precedenti gradi di giudizio stabilendo l’importante principio che e’ legittimo il divieto di avvicinarsi al proprio ex ragazzo in caso di molestie consumate anche tramite il noto social network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio