“Confessare anonimamente a una moglie di essere stata l’amante del marito costituisce reato di molestie. Lo ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 28493/2015,  che ha condannato in via definitiva una donna che con tre telefonate anonime aveva riferito alla moglie particolari dell’infedeltà coniugale e di altre situazioni simili del marito con altre donne”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente nazionale dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.

 

“Si tratta senz’altro – commenta  il matrimonialista – di una sentenza rivoluzionaria, senza precedenti. Il fenomeno di ex amanti che svelano sui social network o a mezzo  telefono relazioni con uomini o donne sposati non può non costituire reato, sia per molestie che per diffamazione. Tali comportamenti costituiscono sottili violenze che avvengono anche mediante la cosiddetta lettera anonima”.

 

E continua: “La legge e la giurisprudenza non avevano ancora individuato nel reato di molestie queste condotte, che spesso distruggono famiglie e danno il via a procedure di separazione o divorzio o addirittura a gesti violenti. In particolare, sui social network vengono scelleratamente diffuse notizie e immagini tese a screditare o a molestare persone che hanno allacciato relazioni extraconiugali”.

 

Infine: “Questa sentenza farà da apripista rispetto alla scia notevole di iniziative giudiziarie che saranno intraprese da chi non solo ha subito il tradimento ma si trova a dover affrontare anche gli sberleffi dell’ ex amante del coniuge”.

 

Una risposta a Rivelare il tradimento alla moglie o al marito dell’ex amante è reato

  • Samantha Metzger scrive:

    Rivelare l’identità del proprio ex amante sulla propria pagina Facebook costituisce un reato? E in tal caso, anche se si elimini il post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio