Con la sentenza del 13 giugno 2011, il Tribunale di Milano per la prima volta ha riconosciuto in capo al convivente omosessuale il risarcimento del danno per la perdita del suo compagno a causa di un incidente stradale.


Il ricorso dapprima presentato dalla anziana madre del defunto, è stato successivamente proposto anche dal convivente di quest’ultimo sulla base della provata esistenza di una relazione stabile caratterizzata da una reciproca e continuativa assistenza morale e materiale.


Seppur precisando che la convivenza omosessuale non può in alcun modo essere equiparata alla famiglia fondata sul matrimonio o comunque composta da persone di sesso diverso, il Tribunale di Milano ha preso, sull’argomento, una posizione a dir poco innovativa riconoscendo il risarcimento del danno al convivente more uxorio, seppur dello stesso sesso, che riesca a dimostrare la stabilità e la mutua assistenza all’interno della relazione.


In precedenza già la Corte di Cassazione , III sez penale, con sentenza n.23725/08, ha stabilito che il risarcimento del danno da fatto illecito concretatosi in un evento mortale “va riconosciuto – con riguardo sia al danno morale che patrimoniale che presuppone la prova di uno stabile contributo economico- anche al convivente more uxorio”, sancendo, così, la risarcibilità di un danno “non conseguente ad uno status o ad un particolare sesso ma alla sofferenza derivante dalla privazione della persona con cui si condivideva la vita e la comunanza di intenti e di progetti in una stabile relazione sentimentale e di coabitazione” .


In virtù, dunque, di quanto affermato in detta sentenza e appurato che “ciascuna unione affettiva stabile crei una condizione in cui un individuo scelga di crescere come persona e che la sua interruzione – provocata da un fatto-reato- determini una sofferenza pari a quella che si verificherebbe in una coppia di sesso diverso”, i giudici milanesi hanno dichiarato risarcibile ex artt 185 c.p. e 2059 c.c. il danno rappresentato “ dalla sofferenza e dal patema d’animo” del convivente del defunto “per l’interruzione di vita personale e professionale che i due vivevano insieme”.


Avv. Claudia Depalma.- Responsabile AMI-Sezione Territoriale di Latina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »
Feb
5
ven
15:00 “Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
“Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
Feb 5@15:00–18:00
“Il Conflitto familiare – Riflessioni giuridiche e psicologiche” @ Pescara - webinair
Per l’evento verrà presentata richiesta di accreditamento al CNF per il riconoscimento crediti formativi per la formazione professionale continua Avvocati. Per prenotarsi occorre effettuare la registrazione al seguente link https://us02web.zoom.us/webinar/register/ WN_Y8G1q528Swu9hQl6m5HQWw . La partecipazione è[...]
Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 14:00 alle 17:00), 34 moduli[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio