La Suprema Corte, infatti, stabilisce che i genitori sono civilmente responsabili per i danni cagionati dal figlio minore di età ma capace di intendere e volere nei confronti di un bambino che giocava con lui. Sui predetti genitori incombe l’obbligo di risarcire i familiari del bambino per il pregiudizio subito. La sentenza è conforme al consolidato orientamento giurisprudenziale che afferma la culpa in eligendo e in educando dei genitori (art. 2048 cod. civ. «Responsabilità dei genitori dei tutori dei precettori e dei maestri d’arte»). Secondo quanto sancito dal Codice penale (art. 97 cod. pen.) il minore è esente da responsabilità in quanto ritenuto incapace per presunzione iuris et de iure, mentre in sede civile è il giudice che caso per caso valuta discrezionalmente se il minore sia responsabile civilmente in quanto capace di intendere e volere….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio