Il padre invalido deve continuare a mantenere il figlio maggiorenne che si è licenziato se quest’ultimo non è autosufficiente economicamente. Lo sottolinea la Prima sezione civile della Cassazione che ha disposto che Roberto L., divorziato da Francesca G., dipendente del ministero del Tesoro, e invalido al 74%, dovrà continuare a dare un contributo mensile, pure se minimo, al figlio Riccardo, 27 anni, che dopo aver lavorato per circa un anno si era licenziato. Per la Suprema Corte, l’uomo, anche se può disporre solo dell’assegno di invalidità civile, dovrà continuare a versare 150 euro al mese al figlio non avendo dimostrato che questi aveva raggiunto «l’indipendenza economica».
L’assegno di mantenimento al figlio era già stato abbassato dalla Corte d’appello di Firenze che, nel dicembre 2002, aveva ridotto l’assegno in favore del ragazzo da 225 euro a 150 (ridotti anche gli alimenti per la ex moglie, circa 100 euro) sulla base del fatto che il padre dal maggio del ’98 era iscritto negli elenchi degli invalidi civili con una invalidità del 74% e che il suo reddito si era «notevolmente ridotto». Roberto L. si è rivolto alla Cassazione per fare ridurre ancora gli alimenti dovuti, sostenendo che la sola pensione di invalidità di cui godeva risultava di poco più di 26 milioni di vecchie lire all’anno rispetto ai 41 di cui godeva prima dell’invalidità. La Suprema Corte (sentenza 4102) ha accolto solo in parte il ricorso dell’uomo (relativamente agli alimenti ridotti di solo 25 euro nei confronti della ex) ma per quanto riguarda il mantenimento del figlio maggiorenne che si era licenziato, ha osservato che legittimamente i colleghi di merito hanno previsto il mantenimento per il ragazzo «ormai ventisettenne e munito di diploma di ragioniere che aveva lavorato, pure se per un periodo limitato», dal momento che «non era stato provato il raggiungimento da parte del figlio dell’indipendenza economica».
Sarà ora la Corte d’appello di Firenze a riesaminare il caso ma solo per quanto riguarda gli alimenti dovuti alla ex moglie perché per fare cessare il mantenimento nei confronti dei figli maggiorenni ci deve essere «colpa» da parte loro.


Fonte “Il Giornale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »
Feb
5
ven
15:00 “Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
“Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
Feb 5@15:00–18:00
“Il Conflitto familiare – Riflessioni giuridiche e psicologiche” @ Pescara - webinair
Per l’evento verrà presentata richiesta di accreditamento al CNF per il riconoscimento crediti formativi per la formazione professionale continua Avvocati. Per prenotarsi occorre effettuare la registrazione al seguente link https://us02web.zoom.us/webinar/register/ WN_Y8G1q528Swu9hQl6m5HQWw . La partecipazione è[...]
Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 14:00 alle 17:00), 34 moduli[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio