In merito alla vicenda dei due fratellini di Battipaglia che, stando alle cronache di ieri, sarebbero stati prelevati con la forza davanti alla scuola, l’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani) ha appreso la notizia che l’esecuzione del provvedimento sarebbe invece avvenuta nei pressi dell’abitazione dei due bambini. 

 

“Pertanto per amore di verità  – afferma l’avv. Gassani, presidente dell’Associazione – l’AMI intende rettificare i contenuti del comunicato stampa di ieri,  poiché i fatti si sono svolti in modo differente e nessun addebito può essere mosso agli esecutori  del decreto del Tribunale per i Minorenni di Salerno, se non altro perché a differenza del caso di Cittadella l’esecuzione non sarebbe avvenuta in una scuola”.

 

“Resta tuttavia lo sgomento che il video del prelievo dei due fratellini ha prodotto in quanti lo hanno visionato e l’augurio che si possa molto presto discutere serenamente dei possibili  protocolli circa le modalità di esecuzione dei provvedimenti della giustizia minorile da uniformare in tutto il Paese”, conclude il matrimonialista. 

 

Una risposta a Rettifica comunicato del 21 aprile 2013

  • Mara Bridi scrive:

    Sono d’accordissimo con l’Avvocato Gassani che le modalità di esecuzione dei provvedimenti vadano uniformate in tutto il Paese, facendo tesoro di buone prassi che, non dimentichiamocelo, esistono. Mi rammarica che spesso i massmedia diano informazioni falsate, cose che lavorando nei servizi posso affermare con cognizione di causa. Forse tutti dovremmo collaborare per operare in maniera diversa e anche per non infondere nelle persone il “terrore” che chi è dedito all’assistenza in realtà sia un “ladro di bambini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


codice rosso

Convegno Ami 4 ottobre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Set
20
ven
15:00 “Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
“Assegno divorzile: dalla ratio ... @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
Set 20@15:00–18:00
“Assegno divorzile: dalla ratio della pronuncia della Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.18287/18 alle diverse prassi dei Tribunali di merito” @ Bergamo - “SALA DEGLI ANGELI” - CASA DEL GIOVANE - VIA MAURO GAVAZZENI, n.13
SCHEDA INFORMATIVA Il convegno è gratuito solo per i soci AMI in regola con il versamento della quota associativa per l’anno di competenza. La quota di partecipazione al convegno è di €10,00 pro-capite per tutti[...]
Ott
4
ven
09:00 Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Convegno Nazionale: diritto di f... @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
Ott 4@09:00–19:00
Convegno Nazionale: diritto di famiglia e giusto processo @ Palermo - Biblioteca Centrale della Regione Siciliana ( Corso Vittorio Emanuele 423 - nei pressi della Cattedrale)
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Palermo con 6 crediti formativi e presso l’Ordine degli Psicologi Regione Sicilia. SEDE: Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (Corso Vittorio Emanuele 423 – nei pressi della Cattedrale) AMI-CONVEGNO[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio