“I due fatti di cronaca avvenuti nella giornata di ieri, a distanza di sole due settimane dalla giornata internazionale contro la violenza sulle donne, urlano la disperata esigenza di una svolta del nostro Stato di Diritto”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani, commenta la morte e l’accoltellamento di due giovani donne ad opera, rispettivamente, dell’ex fidanzato e del marito.

 

 “Questi due episodi di ordinaria mattanza  – afferma l’avv. Gassani – rientrano perfettamente nella casistica già agli atti di tutte le associazioni  impegnate nella lotta alla violenza contro le donne, tanto che l’identikit dell’aggressore/aguzzino, che accomuna entrambe le situazioni,  è cosa nota agli addetti ai lavori:  un uomo frustrato dalla mancata accettazione dell’abbandono da parte della moglie o della compagna. Sono casi in cui la scelta della donna di troncare una relazione sentimentale viene interpretata come un affronto da lavare con il sangue”.

 

 “L’AMI  – sottolinea il matrimonialista – da tempo conduce una vera e propria battaglia affinché sia chiaro che i gesti estremi sono soltanto l’ultimo atto di una serie di violenze “minori” mai sanzionate o  comunque sottovalutate. La maggioranza delle donne che è quotidianamente vittima di omicidi o tentati omicidi aveva, infatti,  invano sporto denuncia contro i propri futuri assassini”.

 

E continua: “La verità è che le denunce non sempre aiutano la vittima ad uscire fuori dall’incubo, anche perché quasi mai il violento, una volta denunciato, viene sottoposto a perizia psichiatrica e/o psicologica per valutarne il grado di pericolosità e relative misure da adottare onde scongiurare nuove aggressioni. Occorre ammettere che non c’è mai stata una politica legislativa seria per prevenire e fare fronte a questa vergogna nazionale”.

 

“E allora – secondo l’avv. Gassani – ben venga la specializzazione dei magistrati, il potenziamento dei servizi sociali e dei centri antiviolenza, l’ergastolo contro i violenti. Il buonismo in questo settore non ha risolto alcun problema”.

 

Infine: “Sia chiaro a tutti, alla politica innanzitutto, che lo stallo si paga, tanto che mentre il 2012 non è ancora finito sono già più di cento le donne uccise, praticamente una ogni due giorni, peggio che nel 2011. Un allarme che è un’onda continua, se ogni dieci giorni, secondo l’Eures, un padre o un marito pianificano il proprio suicidio allargato, trascinando con sé la moglie/compagna o i figli”.

 

0 risposte a Quota 118: la triste vetta delle donne uccise per mano di un uomo nell’anno 2012

  • giovanna scrive:

    ma se una lascia la casa perche’ ha scoperto che il marito ha una relazione con un’altra donna e che sono tre anni che va avanti sta storia e inoltre e’ un maiale che vive nell’indecenza che addebito deve avere????? ma mi faccia il piacere……….

  • giovana scrive:

    ma se la moglie scapa per rimanere in vita ,per paura , dopo che il marito a tentato amazare piu di volte che addebito deve avere ?e come puo andare avanti?

  • salvatore scrive:

    La violenza, dice bene è l’ultimo atto. Ma non ci sono leggi atte a prevenirla o vi è incuria, superficialità o intempestività di interventi? Sicuri che oggi uomo e donna madre e padri hanno pari dignità innanzi alla legge? Quali sono le cause scatenanti questi omicidi solo il fatto che un uomo si sente abbandonato o lasciato dalla donna? Si dovrebbe indicare sui perchè si arriva a tanto. Qualcuno ha parlato con chi ha commesso questi reati per capirne tutte le cause determinanti quel gesto? Non posso credere che una persona uccida esclusivamente perchè lasciato dalla propria donna, salvo che in essa aveva riposto la sua vita o per essa aveva dato tutto e quindi si viene a trovaredavanti ad un burrone. Uomini che fanno violenza per motivi futili o per piacere o per indole vanno tolti dalla società prima di poter far danno

  • Larisa khoma scrive:

    Veramente ucidere una moglie o compagnia in Italia diventato -pratticamente come una specie di epidemia. Sono donna Ucraina che stata in Italia 11 anni per qvestione di lavoro. Anche la mia figlia e~ nata da un padre itliano, veramente sulla mia pelle ho provato qvesto incubo che si chiama STOLKING. Pero ,-veramente, denunciare nn servivo niente, anzi… persecutore solo si prednde gusto. Secondo me funziona all livello d psiccologico,piu pericolosa diventa situazione ,piu arriva adrenalina nel cervello di persecutore,piu cosa diventa interesante per continiuare. Ci vole una vera e vera cura per uomini italiani,nagari anche a livello genetico?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio