Per ben quattro coppie su dieci il matrimonio si è concluso in tribunale. La freddezza dei numeri fotografa (ancora una volta) un aumento delle separazioni. Erano poco meno del 30% rispetto alle nozze celebrate, appena un anno fa. Senza contare le unioni che anche lo stato ha riconosciuto come definitivamente concluse. In questo caso, i rapporti di forza sono all’incirca di uno a cinque (il totale nazionale è di 216 ogni mille matrimoni). La strada scelta in prevalenza è quella della fine di comune accordo: le consensuali sono circa il 70% di tutte le separazioni. Quanto ai tempi, l’attesa per una separazione giudiziale (quando non c’è l’accordo tra i coniugi) si aggira sui due anni.

I toni e le situazioni sono diverse sul territorio. Più in generale, la tenuta sembra essere maggiore al Sud. Vittima della sindrome da matrimonio sono soprattutto le coppie liguri: ben 514 su mille matrimoni imboccano la strada per diventare ex. Tendenza molto simile anche in Friuli Venezia Giulia, dove addirittura c’è la cifra tonda: per il 50% scatta l’«arrivederci, amore ciao». Frase molto meno pronunciata in Calabria, la regione con il rapporto più basso sia di separazioni (174 su mille nozze) che di divorzi (84).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio