C’è chi come Robin Wright si lamenta dello stipendio di “suo marito” Kevin Spacey, ma c’è anche il caso opposto. L’incompatibilità caratteriale può costare parecchio. Soprattutto se ha a che fare con l’incapacità del marito di accettare il fatto che sia la consorte a portare il pane a casa. Niente più donne col ferro da stiro in mano, addio mogli con buste della spesa e figli al seguito. I tempi cambiano, le dinamiche sociali anche e i rapporti di coppia spesso si adeguano. Ma a volte no. E così se ci sono mariti ben felici di occuparsi della casa e dei figli, ce ne sono molti altri -più di quanti possiamo pensare- che non ci stanno.

Se poi lavorano entrambi ma lei guadagna di più, allora sono dolori. Il maschio sembra non essere più dominante. Nemmeno professionalmente. E quando questa situazione viene portata elle estreme conseguenze, il matrimonio rischia di rompersi. È molto complesso riuscire a stabilire con esattezza quanti matrimoni finiscano a causa di squilibri reddituali, ma una stima può essere fatta: nel 20% delle rotture che noi matrimonialisti identifichiamo come “incompatibilità caratteriale”, la causa scatenante è l’incapacità dei mariti di accettare che la consorte guadagni di più e che, di fatto, sia dominante dal punto di vista professionale.

Succede in tutta Italia, ma soprattutto al nord dove, nelle cause di divorzio, crescono i casi in cui lei guadagna almeno tre volte più del marito. Insomma, la competizione professionale avviene anche tra le mura domestiche, col risultato che dispetti e litigi diventano pane quotidiano. Dinamiche, queste, che si trascinano all’interno delle aule dei Tribunali. Anche in questo caso, il marito professionalmente frustrato sfoga la sua rabbia mentre la donna è ben disposta a pagare pur di non sfinirsi in un’estenuante quanto annosa guerra dei Roses durante le udienze. I dati forniti dal nostro Centro Studi Ami parlano chiaro: oggi, in 4 casi su 100, l’assegno di mantenimento lo paga la moglie.

Il 60% delle donne che mantengono l’ex coniuge esercitano una libera professione, il 25% sono imprenditrici e il 15% svolgono un’attività comunque ben remunerata. Quattro su dieci, il 40%, sono più anziane dei mariti. Negli ultimi tempi le donne hanno sposato uomini più giovani e quindi anche meno inseriti sul piano professionale. È facile che poi siano loro a dover sostenere economicamente i mariti . Purtroppo, molto spesso, non senza difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Gen
31
ven
15:00 ” La tutela dei diritti della pe... @ Paola, Palazzo di Giustizia
” La tutela dei diritti della pe... @ Paola, Palazzo di Giustizia
Gen 31@15:00–18:00
" La tutela dei diritti della persona minorenne nella famiglia divisa" @ Paola, Palazzo di Giustizia
L’evento è accreditato presso l’Ordine degli Avvocati di Paola. La partecipazione è gratuita e dà diritto a n. 2 crediti formativi. manifesto 31 gennaio 2020Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Feb
14
ven
14:30 Convegno “Codice Rosso”: Analisi... @ Tribunale Napoli Nord, Sala Livatino
Convegno “Codice Rosso”: Analisi... @ Tribunale Napoli Nord, Sala Livatino
Feb 14@14:30–18:00
Convegno "Codice Rosso": Analisi e criticità della Legge n. 69/2019 con profili deontologici @ Tribunale Napoli Nord, Sala Livatino
Evento in fase di accreditamento al COA di Napoli Nord. Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Feb
21
ven
15:45 Maratona diritto penale e proced... @ Termoli, Università del Molise
Maratona diritto penale e proced... @ Termoli, Università del Molise
Feb 21@15:45–18:30
Maratona diritto penale e procedura penale: il penalista tra riforme e deontologia. Codice rosso e prassi @ Termoli, Università del Molise
Sono previsti 4 crediti formativi di cui uno di deontologia. Condividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio