“La legge sullo stalking, se non emendata nella parte in
cui le vittime che hanno sporto denuncia contro i
persecutori hanno diritto a reali misure di protezione
personale, rischia di diventare una legge inutile e
paradossalmente produttrice di gesti estremi a danno delle
stesse vittime.
L’ultimissimo fatto consumatosi tragicamente ancora nel
cremonese, potrebbe rientrare nel fenomeno dello stalking
laddove il movente dell’omicidio sia da ricercare
nell’eventuale interruzione del rapporto sentimentale da
parte della vittima così come il biglietto lasciato
dall’omicida farebbe presupporre”. E’ il commento del
presidente nazionale dell’Associazione Avvocati
Matrimonialisti Italiani avv. Gian Ettore Gassani.

“La legge sullo stalking – continua – se da un lato
indubbiamente ha rappresentato una svolta giudiziaria e
sociale nel nostro Paese, dall’altro ha messo a nudo
ancora una volta la quasi totale inadeguatezza del nostro
sistema nella lotta e nella la prevenzione alla violenza a
tutela delle vittime delle persecuzioni moleste”.

Può bastare la denuncia a bloccare le persecuzioni di uno
stalker specie se quest’ultimo è un grave malato
mentale? Ci si è mai posti l’interrogativo di quali
misure di protezione sono realmente adottate
nell’interesse delle vittime di stalking, una volta che lo
stalker è stato individuato e denunciato?

“E’ sin troppo risaputo che il persecutore, se
psicolabile, diventa ancora più violento e pericoloso dopo
la denuncia. Non era mai successo che uno stalker si
spingesse ad uccidere due vittime contemporaneamente, così
come ha fatto Gaetano De Carlo, assassino di Maria Montanaro
e Sonia Balcone in un’autentica giornata di follia, che
andava messo i preventivo. L’uomo, come è noto, era
stato denunciato ben sette volte per stalking. Occorre, a
questo punto, un momento di riflessione su quelle che sono
in concreto le misure che la nostra legge pone in difesa
delle vittime di persecuzioni moleste. Il fenomeno è
emergenziale”.

Se lo Stalker è uno psicolabile può bastare una
denuncia, un ammonimento della questura o un mero arresto di
qualche giorno?
“La risposta è no. Ogni volta che c’è un caso di
stalking, il presunto responsabile dovrebbe essere
sottoposto automaticamente a perizia psichiatrica e nel caso
in cui quest’ultimo dovesse essere considerato un soggetto
particolarmente pericoloso, occorrerebbe applicargli la
misura di sicurezza dell’ O.P.G. (Ospedale Psichiatrico
Giudiziario) al fine di neutralizzarlo. È risaputo che lo
Stalker, quando è un pazzo, diventa ancora più cattivo e
pericoloso dopo la denuncia. Si può morire così per
colpa di uno psicolabile? Ma vi è un reale interesse a
tutela delle donne nel nostro Paese? O forse dobbiamo
sospettare che la legge sullo stalking sia l’ennesima
legge ‘scatola vuota’ prodotta dal nostro legislatore?
L’Ami ritiene che in Italia vi sia un garantismo a senso
unico, quasi sempre a vantaggio del carnefice. Quando furono
chiusi i manicomi nessuno si preoccupò di introdurre
alternative. Per cui ci siamo trovati centinaia di migliaia
di pazzi per strada con un residuale intervento dei reparti
di psichiatria degli ospedali e relativa applicazione dei
T.S.O. (Trattamenti sanitari obbligatori). La ‘mattanza’ nei
confronti di tante donne non è colpa solo di chi le ha
uccise, quanto di una cultura buonista ed irresponsabile,
del tutto sganciata dalla realtà e dal buon senso”.

“L’aspetto ancora più agghiacciante è il senso di
impotenza e di assuefazione della gente, della politica e di
alcuni addetti ai lavori del sistema giudiziario” chiude
Gassani.

0 risposte a Quando la denuncia contro lo stalker diventa una condanna a morte

  • giorgio scrive:

    salve ho letto il vostro articolo scritto da gassani e gli faccio i miei complimenti per la verita scritta dove uno stalker da una parte viene sottovalutato per l’essere che è (non cito persona perchè non è una persona). Mi chiamo giorgio e sono poco piu di 2 anni che convivo con una donna di 47 anni io ne ho 50 e questa è madre di 2 figli di 14 e 15 anni . i primi mesi di convivenza sono stati un po difficili con il figlio maggiore ora lui per me è come un figlio e mi ha accettato ma premetto che non è stato facile ma un po alla volta ho capito il perchè visto che vive con il padre. i 2 figli sono affidati agli assistenti sociali ( persone che non sanno svolgere il loro lavoro se non per demolire le famiglie) alla quale non fanno altro che dare ragione a lui perchè è uno psicologo (fallito)non ha uno studio,non esercita in nessun ospedale,lavora in una comunita di recupero tossico dipendenti e dalle ultime informazioni mi risulta che è addetto alla lavanderia.Bene questo essere da 5 anni a questa parte dopo la loro separazione non fa altro che rovinare l’esistenza alla mia compagna è riuscito con l’inganno a sottrarre la custodia dei figli,in questi 2 anni di convivenza ne ho viste di tutti i colori la piu brutta è che fa stolking usando i figli facendogli dire delle promesse di permesso per stare con la madre poi rittrattate all’ultimo momento con un sms dicendo che verrebbe a riprenderli come da comune accordo e questo è capitato un sacco di volte io è circa un anno che sto cercando una strada per poter far tutelare la mia compagna lei sono 4-5 anni che ha un avvocato ma se non c’è è uguale dove ha speso tutto quello che aveva senza aver avuto una difesa adeguata ho provato a fare anche una denuncia dai carabinieri ma se non ho delle prove non è possibile ho parlato con gli assistenti sociali dove loro questo non interessa a questo punto io cosa dovrei fare? questo essere come bisogna affrontarlo per fermarlo? la mia compagna è quasi arrivata al capolinea è molto nervosa,soffre d’ansia,è stata dalla psicologa per un certo periodo,a dei momenti che non riesce a guidare la macchina per i stati d’ansia e si deve fermare (come un giorno aveva bloccato il traffico e l’hanno aiutata a spostare l’auto)a volte l’aiuto tramite cellulare a stare tranquilla di accostare che poi la vado a recuperare oppure di farla arrivare al lavoro,purtroppo tutto questo è causato dall’idiota (questo è il soprannome che gli abbiamo attribuito)premetto questa è solo una parte. cordiali saluti giorgio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
26
ven
08:30 IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
IMMIGRATI : QUALI DIRITTI? @ Palazzo di Giustizia di Agrigento - Aula Livatino
Ott 26@08:30–13:00
L’evento è stato accreditato dal C.O.A. di Agrigento con 3 crediti formativi con delibera del 27.09.2018 . La partecipazione è gratuita . Per iscriversi occorre inviare una e.mail all’indirizzo palermo@ami-avvocati.it indicando nome, cognome, foro di[...]
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Evento interdistruttuale tra dell’AMI di Potenza e l’AMI di Bari. Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio