“Il grave episodio di violenza contro bambini, di cui sono state protagoniste due maestre di un asilo romano, ripropone, nella sua drammaticità, un problema particolarmente radicato nel nostro Paese, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.

 

“La Scuola italiana – spiega il matrimonialista – nel complesso è rappresentata da docenti che, nonostante le varie difficoltà, offrono un grande contributo alla crescita ed istruzione di milioni di minorenni. Tuttavia c’è da registrare un aumento della scoperta di maltrattamenti, soprattutto nella scuola dell’infanzia, consumati da insospettabili maestre in danno di bambini molto piccoli”.

 

E continua: “La Magistratura, di concerto con le Forse dell’Ordine, sta conducendo indagini a tappeto per smascherare fenomeni odiosi come i maltrattamenti e la pedofilia, ancor più inaccettabili quando commessi in un luogo, la scuola, che dovrebbe invece essere il più sicuro di tutti”.

 

Infine: “ L’AMI da sempre propone una riforma complessiva della Scuola italiana che miri ad una selezione più attenta del corpo docente e ad una maggiore possibilità di  controllo da parte delle famiglie di ciò che avviene a scuola. L’AMI organizza costantemente corsi nelle scuole per combattere fenomeni di bullismo, ma la battaglia diventa assai difficile quando tra i bulli si nasconde una minoranza pericolosa di docenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Maria Carmela Zizzi
    "Sono una nonna italiana che non vede i nipotini-figli di... "
    Leggi tutto...
  •  Marianna
    "Buonasera dove trovo il testo integrale del vademecum per la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio