Negli ultimi anni le richieste di adozioni internazionali si sono presentate  decisamente in aumento con una stima in cinque anni di circa 85.000 richieste e 2000 adozioni l’anno.


Nelle tabelle qui di seguito riportate  aggiornate al 2009 troviamo una panoramica  specifica relativa alla provenienza dei bambini e della loro età nel momento dell’adozione.


Tab.1. Paesi di provenienza dei bambini più piccoli


 








( 2009) Paese di provenienza  DEL MAGGIOR NUMERO di bambini PIU’ PICCOLI


 


VIETNAM : 125 bambini con età media di 0,86 anni    



CINA : 20 bambini con età media di 1,11 anni



KAZAKISTHAN : 16 bambini con età media di 2,61 anni



BURKINA FASO : 11 bambini con età media di 3,16 anni



REP DEM DEL CONGO : 33 bambini con età media di 3,21 anni


 


Tab.2. Paesi di provenienza dei bambini più grandi


 








( 2009) Paese di provenienza  DEL MAGGIOR NUMERO di bambini PIU’ GRANDI


 


LITUANIA : 26 bambini con età media di 8,36 anni



UNGHERIA : 33 bambini con età media di 8,26 anni



UCRAINA : 284 bambini con età media di 8,18 anni



CILE : 24 bambini con età media di 8,07 anni



BRASILE : 148 bambini con età media di 7,95 anni


 


Tab.3. Principali Paesi di provenienza dei bambini nel 2009








( 2009) Paese di provenienza  DEL MAGGIOR NUMERO di bambini?


 


FED RUSSA : 336 bambini



UCRAINA : 284 bambini



COLOMBIA : 172 bambini



BRASILE : 148 bambini



POLONIA : 133 bambini



ETIOPIA : 133 bambini



N.B.: Il numero dei bambini è riferito al periodo 1-1-2009 ÷ 30-6-2009


 


Tab. 4. Principali Paesi di provenienza dei bambini nel 2008








( 2008) Paese di provenienza  DEL MAGGIOR NUMERO di bambini?


 


UCRAINA : 640 bambini



FED RUSSA : 466 bambini



COLOMBIA : 434 bambini



BRASILE : 371 bambini



ETIOPIA : 338 bambini



VIETNAM : 313 bambini



N.B.: Il numero dei bambini è riferito al periodo 1-1-2008 ÷ 31-12-2008.


 


 


  La  mediazione  tra due mondi lontani rientra in uno dei difficili compiti affidati al minore : lo straniero, la sua famiglia, la società di partenza, la società ospitante , le comunità di connazionali presenti nel paese ospitante .


Abbiamo quattro  possibilità di adattamento , haimè non sempre funzionale :


1)    “ la resistenza culturale”, ovvero i molteplici aspetti che vanno dalla lingua alla cucina, dall’abbigliamento al modo di comportarsi nella società, alle modalità di comunicazione verbale e non verbale . Inoltre le amicizie vengono ridotte al minimo nei confronti dei coetanei non connazionali, con  formazione di sottogruppi, come “comunità incistate ”, nei quali i momenti di scambio e di confronto con l’esterno si riducono paurosamente all’indispensabile.con rafforzamento dell’identità etnica che dovrebbe portare, invece che ad una chiusura ghettizzante, ad un pluralismo multiculturale.


2) “L’ assimilazione”,processo con cui il minore straniero aderisce con totale immersione  all’identità della società in cui giunge , rinnegando però la  cultura di origine con il rischio di svalorizzare  parti del sé e della propria cultura di origine e in realtà di  realizzare una  integrazione fittizia con la società ospitante.


3)Terza possibilità : “ La marginalità” caratterizzata da  identità confusa, tra la cultura di origine e quella del nuovo paese. Non riuscendo a collocarsi in nessuna delle due, rimangono incapsulati  in entrambe senza riuscire a scegliere tra l’affetto familiare e il fascino dell’emancipazione.


4) La quarta possibilità  detta delladoppia etnicità”, che viceversa rappresenta la soluzione ottimale , con duplice senso di appartenenza  porta ad un’armonica integrazione dei valori delle due diverse culture., in grado di superare anche il razzismo istituzionale.


In caso di Fallimento nell’adozione  internazionale, non vengono “restituiti” al loro paese di origine,così come  nel caso di fallimento nelle  adozioni nazionali solitamente non vengono riaffidati alla famiglia a causa dei consequenziali , intuibili disagi . Per entrambe le casistiche la destinazione ultima è l’Istituto Italiano.


Comunque  di questi ragazzi allontanati dalle famiglie adottive circa un terzo ha successivamente fatto ritorno alla famiglia adottiva, registrando pertanto soltanto  un fallimento transitorio dell’adozione. Di questi alcuni, al raggiungimento della maggiore età, sono riusciti a raggiungere una apprezzabile autonomia , viceversa  altri sono stati indirizzati ad altre famiglie adottive.


Le relative statistiche riportano  percentuali oscillanti tra l’1,7% e il 3% di adozioni incompiute o interrotte. Questi dati portano a riflettere anche sulla non efficacia funzione genitoriale e sulle possibili soluzioni da adottare.


In numerosi anni di ricerche condotte sull’argomento dalla Cattedra da me diretta, che hanno portato alla pubblicazione di una “piccola guida” nel volume “La comunicazione in famiglia” (2002, Armando Editore), abbiamo riportato gli  otto errori educazionali ormai codificati dalla letteratura internazionale e in considerazione di quanto sopra e dunque più nello specifico in merito ai comportamenti genitoriali che possono minare l’autostima del figlio, sempre in estrema sintesi abbiamo:


1.     l’abnorme autoritarismo (espresso come dominanza parentale o iperprotezionismo genitoriale);


2.     abnorme indulgenza e lassismo (sottomissione parentale);


3.     figure genitoriali inefficaci, nevrotiche e malsicure da introiettare;


4.     atteggiamenti materni immaturi, possessivi, punitivi (ostilità nevrotica);


5.     comunicazione affettiva genitoriale asettica e solo formale;


6.     disturbato rapporto di coppia (che inficia l’affettività verso i figli);


7.     atteggiamenti genitoriali ambivalenti, con abnormi divieti (a parole) seguiti da “facile accondiscendenza” (a fatti) o viceversa;


8.     incongruenze decisionali e di esempi.


 


Peraltro così si possono schematizzare gli stili educativi:


1.      stile affettivo – positivo: riconosce il diritto degli altri ad essere importanti, a crescere, a diventare autonomi; si tratta di uno stile che offre aiuto, dà il permesso di cambiare, dà il permesso di vincere (frasi tipiche: “Hai fatto un buon lavoro…” “Puoi fare da solo, ci riuscirai …“ “Se hai bisogno di me, sono qui … ” “Hai imparato molto rispetto all’altra volta …. ”);


2.      stile affettivo – negativo: invita alla dipendenza, perché nega, giudica, disconosce le possibilità di crescere e di imparare, impedisce l’autocontrollo e l’autodeterminazione;


3.      stile critico – positivo: mostra come far bene le cose, come cambiare e come vincere; sostiene l’altro come persona che cresce, prospetta alternative, aiuta ad individuare le conseguenze, crea le condizioni affinché l’altro arrivi al successo, insegna modi per acquisire competenze, insegna a chiedere aiuto (frasi tipiche: “Vediamo come si fa …” “Oggi abbiamo questo obiettivo … analizziamo le nostre risorse per raggiungerlo…” “Proviamo ad immaginare questa soluzione.., quali conseguenze?”);


4.      stile critico – negativo: è uno stile che ridicolizza, paragona, mette in difficoltà, usa il sarcasmo, biasima (frasi tipiche: “Tu sempre…” “Tu mai…” “Cosa si può pretendere da uno come te …” “Anche questa volta non sei riuscito a …”).


 


.


Molto spesso i genitori adottivi non sanno come farsi aiutare o temono un giudizio negativo. È ormai un fatto noto che per un bambino la necessità di una famiglia è indispensabile per poter crescere con un’immagine positiva di sé, soprattutto dopo aver subito l’allontanamento da  una famiglia particolarmente  problematica e disfunzionale.


I dati internazionali comunque evidenziano un analogo  rischio di fallimento rispetto all’adozione nazionale, con  equidistribuzione e peraltro maggiori  difficoltà per i figli provenienti da adozione nazionale.


Tab. 5. Percentuali di adozioni fallimentari rispetto al paese di origine
















































Paese di origine


N. fallimenti


% sul tot.


Brasile


44


26,8


Russia


21


12,8


Colombia


20


12,2


Romania


17


10,4


Polonia


14


8,5


Cile


9


5,5


India


8


4,9


Perù


7


4,3


Altri


24


14,6


Totale


164


100,0


Possiamo aggiungere alcune considerazioni:


         i bambini rumeni adottati sono sempre in numero maggiore rispetto ai bambini brasiliani, nonostante questo i rumeni  hanno un numero di fallimenti inferiori


         solo 3 sono i riabbandoni dei bambini provenienti dalla Bulgaria, nonostante l’alto numero di minori dati in adozione


         allo stesso modo sono solo 2 i casi di riabbandono dei minori provenienti dall’Ucraina


 


In una  più ampia panoramica il 51.5% dei riabbandoni riguarda bambini dei paesi dell’America meridionale, il 39.3% riguarda bambini dell’Europa orientale.


Interessanti ulteriori caratteristiche dei bambini provenienti dal Brasile:


         vi è una prevalenza di maschi abbandonati rispetto alle femmine


         un quarto dei bambini ha un’età all’ingresso compresa tra 0 e 2 anni e tre quarti tra 0 e 8 anni


         spesso questi bambini arrivano dopo esperienza di vita particolarmente provata  e densa di deprivazioni.


Analizzando l’età delle coppie adottandi , nei casi di fallimento si registra un’età media pari ai 45 anni per i mariti e 42 per le mogli. (Vedi Tab. 6).


Tab. 6: Rapporto CAI (giugno 2007)
































Fascia d’età genitore


% donne


% uomini


< 30


0,7%


2,7%


30-34


10,8%


20,0%


35-39


33,5%


36,3%


40-44


32,6%


27,6%


45-49


14,6%


10,0%


>= 50


7,8%


3,5%


 


Inoltre la crisi dell’esperienza adottiva si concentra negli anni della crescita adolescenziale attorno ai 13 anni, la durata media dell’adozione è di circa 5 anni e mezzo. (Tab. 7)


Tab.7: Correlazione tra allontanamento ed età del minore



















% allontanamento sul totale


Fascia di età


17,8%


9 – 11


38,6%


12 – 14


30,1%


15 – 17


13,5%


Altre fasce


 


Tab 8: Motivazioni principali come causa dell’allontanamento




























Motivazione


Incidenza


%


Difficoltà di relazione


32


23%


Conflittualità con la famiglia


31


23%


Inadeguatezza e incapacità della coppia


24


18%


Altre


50


36%


Totale


137


100%


 


Tra i casi di minori allontanati dalla famiglia adottiva si nota un numero elevato di minori adottati insieme a uno o più fratelli ma prevalentemente l’allontanamento è solo del fratello maggiore. La spiegazione più semplice da individuare è che il figlio maggiore porta con sé un vissuto molto più travagliato e problematico e pertanto molto più difficile da gestire.


Considerazioni conclusive:


         la normativa ha alzato l’età massima di differenza tra adottato e adottante a 45 anni;


         l’età media dei bambini in adozione è in costante lieve ascesa;


         le storiche provenienze europee (Bulgaria, Romania, Bielorussia) hanno lasciato il posto a bambini provenienti da luoghi più lontani ed esotici (sud-est asiatico e Africa).


         Particolare attenzione è da rivolgere alla fase educativa preventiva della coppia genitoriale adottiva , spesso autodidatta ma altrettanto spesso priva di quelle coordinate educazionali sia pur minime per garantire un evitamento delle delusioni traumatizzanti per tutti , ivi incluse le istituzioni nazionali ed internazionali  , la coppia e il singolo bambino  emozionalmente da sempre fiducioso nella altrui , equilibrata donatività  affettiva.     


 


 


         Vincenzo M. Mastronardi         


          [1] Psichiatra.Psicoterapeuta  Titolare della Cattedra di Psicopatologia Forense – I Facoltà di Medicina – Direttore del Master in “Scienze Criminologico – Forensi” e dell’Osservatorio dei Comportamenti e  della Devianza  Università degli Studi di Roma “Sapienza”.                        


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vincenzo
    "Parliamo sempre delle stesse porcherie, é tutto una truffa legalizzata,... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco
    "Mi sto chiedendo a cosa possa servire scrivere qua le... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Ott
19
ven
08:30 Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Figli in attesa. Approfondimenti... @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo
Ott 19@08:30–13:30
Figli in attesa. Approfondimenti sulla filiazione ex lege @ Aula Baviera Tribunale per i Minorenni di Palermo | Palermo | Sicilia | Italia
Evento accreditato dal COA di Palermo con 3 crediti fomativi. Iscrizioni via e-mail a palermo@ami-avvocati.it locandina figli in attesa palermoCondividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
14:00 50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
50 sfumature di violenza intrafa... @ Residenza di Ripetta - Sala Bernini - ROMA
Ott 19@14:00–19:30
50 sfumature di violenza intrafamiliare - esperienze a confronto @ Residenza di Ripetta -  Sala Bernini - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Evento formativo in via di accreditamento dall’Ordine degli Avvocati di Roma. AMI_Mani_Violanza09_2018 Scarica la Scheda d’iscrizione  Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Ott
26
ven
15:30 Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Messa alla prova del processo mi... @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Ott 26@15:30–19:00
Messa alla prova del processo minorile. Obiettivi di reinserimento sociale @ Aula Grippo Tribunale di Potenza
Accreditato dal COA di Potenza 3 crediti formativi 1 di deontologia. Condividi...Facebook0Google+0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio