MILANO – Sarà la corte d’appello a dover valutare la misura del danno esistenziale subito da una coppia di sposi, che non ha mai potuto vedere il film del giorno del matrimonio girato da un fotografo e smarritosi durante il trasporto affidato a una ditta specializzata. La coppia ha chiesto 50.000 euro per placare il dispiacere di non aver un ricordo del loro giorno più bello. Il giudice ha ridotto il risarcimento in 5 mila euro per ciascuno degli sposi escludendo dalla responsabilità la ditta incaricata del trasporto. Ma i neosposi, sostenuti dall’avvocato Rosario Alberghina, hanno impugnato la decisione.


FONTE ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio